Furbetti del vaccino a Biella, indagati amministratori Rsa

Biella, si sottopongono al vaccino senza averne diritto, indagati amministratori Rsa
2 Minuti di Lettura
Giovedì 4 Febbraio 2021, 10:44 - Ultimo aggiornamento: 10:53

La Procura di Biella, Piemonte, indaga su persone sottoposte alla vaccinazione anti-Covid pur non avendone al momento il diritto. Gli indagati avrebbero ricevuto l'iniezione nonostante non rientrassero nella categoria dei sanitari e degli ospiti delle Rsa. I carabinieri del Nas, coordinati dal procuratore Teresa Angela Camelio, hanno sequestrato gli elenchi delle Asl per le dovute verifiche del caso. 'Truffa ai danni dello Stato' il reato ipotizzato. Le persone che gli inquirenti dovranno ascoltare, secondo quanto si apprende, sarebbero un centinaio.

Fra i presunti 'furbetti' del vaccino, secondo quanto si apprende, ci sarebbero alcuni amministratori di case di riposo che si sarebbero inseriti fra i lavoratori delle cooperative che operano all'interno delle Rsa e dell'ospedale per accaparrarsi la loro dose di siero.

© RIPRODUZIONE RISERVATA