MATTEO SALVINI

Sardine contro Salvini, dopo Bologna flash mob annunciato a Firenze

Sabato 16 Novembre 2019
8
Sardine contro Salvini, dopo Bologna flash mob annunciato a Firenze

Firenze come Bologna, le "sardine" arrivano anche in Toscana. Dopo aver invaso giovedì scorso piazza Maggiore, questo bizzarro movimento di protesta contro Matteo Salvini è pronto a servire il bis. La data fissata su Facebook è quella del 30 novembre, ma la location è ancora da decidere: intanto più di 4mila persone hanno già cliccato "parteciperò" all'evento fiorentino, mentre altre 15mila si sono dette interssate. 

LEGGI ANCHE Salvini a Bologna: «Liberiamo il Paese». Ma la contro-piazza lo sfida

SALVINI IN DIRETTA FACEBOOK: «IMBECILLI DEI CENTRI SOCIALI»

Un movimento di protesta nato quasi per gioco sui social ma che, dopo il successo di Bologna, è pronto a ripetersi. L'obiettivo del primo flash mob anti-salviniano era quello di radunare 6mila persone, in modo tale da superare il numero di seguaci dell'ex vicepremier presenti nello stesso momento al Paladozza, che ne può contenere fino a 5.570. Obiettivo raggiunto grazie alla collaborazione dei social, cavalcata con originalità e ironia. Tanti gli slogan esposti dalle "sardine": «L'emilia Romagna non abbocca». «Bologna non si lega». «Partecipa al primo flash-mob ittico nella storia». Le "sardine" sono diventate un simbolo perché pesci piccoli, ma capaci di difendersi facendo gruppo, stringendosi tutti insieme e diventando "massa".

Il piano shock di Renzi: «120 miliardi per il Pil e per abbassare l’Irpef»

Salvini in piazza San Marco totalmente allagata

Sull'evento Facebook fiorentino si legge: «Sabato 30 novembre Salvini organizza una cena al Tuscany Hall di Firenze dando avvio alla campagna elettorale in Toscana per il voto della prossima primavera. Perché Salvini può dire che prenderà la Toscana e tutti noi stiamo zitti». E si conclude: «La sardina è un pesce muto, che non grida come gli urlatori del web e dei comizi, ma che sta in banco ovvero in tanti, stretti stretti, più di loro! Insieme con la voglia di non restare indifferenti, non per protagonismo, ma per spirito di partecipazione e di Comunità. La Toscana non abbocca e non scende in piazza contro qualcuno ma per un'idea opposta, scendiamo in piazza non per un Capo ma per una Comunità».

Caso Cucchi, Salvini: se qualcuno ha sbagliato è giusto che paghi

A lanciare in chiave fiorentina l'iniziativa di Mattia Santori, Roberto Morotti, Giulia Trappoloni e Andrea Garreffa, organizzatori della piazza di Bologna di giovedì scorso, è Bernard Dika, 21 anni, ex millennial della direzione Pd quando alla guida dei Dem c'era Renzi, oggi promotore delle sardine a Firenze in veste privata. 

Ultimo aggiornamento: 14 Dicembre, 21:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, mille guai e un miracolo: per Natale i turisti in aumento

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma