Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Letta vede Di Maio e Sala: «Pronto a fare front runner, costretti ad alleanze». Conte: «M5s andrà solo, sarà terzo incomodo». Crippa di dimette da capogruppo

Il segretario del PD: «Mai come questa volta è in gioco il futuro della società italiani e di centinaia di migliaia di giovani che vogliono vivere in una società in cui si è liberi»

Letta: «Scelta tra noi o Meloni, non ci saranno pareggi. Pronto a fare front runner»
5 Minuti di Lettura
Martedì 26 Luglio 2022, 14:20 - Ultimo aggiornamento: 27 Luglio, 06:28

Enrico Letta prende le redini della campagna elettorale e, davanti alla direzione del partito, assume ufficialmente «il ruolo di front runner». Se è vero che per pensare a Palazzo Chigi ci sarà tempo, altrettanto vero è che il Pd sarà il pivot dello schieramento e «il voto darà un risultato chiaro - ribadisce Letta - Il pareggio non è contemplato. La scelta è fra noi e Meloni». In caso di vittoria, la mossa di Letta lo avvicina a Palazzo Chigi, ma quella lanciata in direzione non è una candidatura. Il tema va messo da parte - è il ragionamento del segretario Pd - perché logora, come sta già succedendo nel centrodestra. «Mi sono dimesso da capogruppo»,  afferma intanto Davide Crippa, che ha guidato il gruppo alla Camera del M5s. 

Mara Carfagna lascia Forza Italia: «No a salti nel buio, dal 20 luglio il Rubicone è stato varcato»

Lo scontro con il centrodestra

Bisogna «derubricare questa assurda discussione della premiership», ribadisce Letta rispondendo indirettamente a Carlo Calenda che, proprio negli stessi momenti, in Tv rilancia: «O Draghi o come presidente del consiglio mi candido io». Per sperare di vincere, servono forze che corrano insieme al Pd. «Il cuore del nostro progetto politico siamo noi - spiega Letta - Poi ci sono delle alleanze che siamo costretti a fare dalla legge elettorale». Si badi: «La legge elettorale non postula coalizioni - sottolinea - ma semplicemente delle alleanze elettorali». E qua sta il cuore del ragionamento: non serve un programma comune, ma un obiettivo comune. È un modo per rendere più agili le intese, specie con Azione. Fra gli interlocutori ci sono anche Luigi Di Maio e Giuseppe Sala. Che nel pomeriggio incontrano Letta a Roma. «Non sarò parte di questa partita - chiarisce Sala - sto solo cercando di dare una mano». Il vertice si svolge nella sede dell'Arel, dove il segretario Pd tesse le alleanze: il suo ruolo è proprio quello di aiutare la nascita di una lista che faccia riferimento anche al sindaco di Milano e al ministro degli Esteri. Un tempo in quella sede Letta incontrava pure Giuseppe Conte. Ora il rapporto coi 5s è sepolto: su loro «il giudizio degli elettori è lapidario», sottolinea il segretario Pd. 

Rebus alleanze

«Saremo soli - gli risponde Conte - saremo il terzo polo, il terzo incomodo, il terzo campo, il campo giusto». Al momento, lo schema di gioco che si va delineando nel centrosinistra è più o meno questo: la lista Progressisti e democratici del Pd, con cui correrebbero anche esponenti di Demos e Articolo Uno, come Roberto Speranza. Papabili alleati: la lista Azione-Più Europa, la lista Verdi-Sinistra Italiana e la lista di Tabacci, quel Centro democratico che al Senato ha già accolto la formazione di Di Maio. E Letta mira «a parlare anche con chi ha votato Fi alle ultime elezioni». All'alleanza dovrebbe guardare anche l'ex azzurra Maria Stella Gelmini, che fa rotta verso Azione. Mentre ancora non sono definite le mosse del governatore ligure Giovanni Toti. L'accordo non sembra invece fattibile con Italia viva. Renzi lavora a un dialogo almeno con Calenda ma, per adesso, la prospettiva è «andare da soli», ammette il leader di Iv. Per la verità, anche l'alleanza elettorale del Pd con Azione non è scontata. È soprattutto a quella che si riferisce Letta quando ammette: «Non abbiamo interlocutori semplicissimi». Non aiuta la tempistica con cui in Lombardia il Pd ha aperto al M5s per le regionali. Azione e Movimento sono agli antipodi. I contatti fra Letta e Calenda sono comunque frequenti. «La strada è complicata - dicono al Nazareno - ma entrambi sono uomini delle istituzioni. Si rendono conto che la posta in gioco è altissima e che l'orizzonte è comune». Per la verità, nel Pd qualche remora all'alleanza con Calenda serpeggia. In direzione arrivano i warning di Matteo Orfini e, soprattutto, di Andrea Orlando: «Non dobbiamo autocensurare il nostro messaggio per tenere in piedi una alleanza tecnica», dice il ministro. Letta prepara la corsa da front runner. Non sarà in vetta da solo. Lo affiancheranno le capigruppo, Debora Serracchiani e Simona Malpezzi, e due presidenti di Regione: Stefano Bonaccini e, anche papabile candidato, Nicola Zingaretti. Due figure popolari e di aree diverse del partito.

La nota di Crippa

«Non avendo condiviso la linea politica adottata dai vertici del Movimento 5 Stelle, che ha causato la crisi del governo Draghi e i suoi drammatici effetti economici su famiglie e imprese, nonché la conseguente, prevedibile rottura di quel progetto ambizioso del campo progressista che ci aveva visti protagonisti di una importante svolta politica dentro e fuori dal M5S l, ritengo non sia più opportuno proseguire nel ruolo di rappresentanza che svolgo, dopo essere stato eletto per tre volte, alla guida del gruppo parlamentare Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA