GIUSEPPE CONTE

​Quota 100 e reddito di cittadinanza, Conte: «Vogliamo conservarli»

Venerdì 27 Settembre 2019
Manovra, Conte: «Vogliamo conservare quota 100 e reddito cittadinanza»

Conto alla rovescia per la prima legge di Bilancio giallorossa. Lunedì il governo svelerà i suoi piani per il prossimo anno presentando la nota di aggiornamento al Def, la cornice che definirà gli spazi per la costruzione della manovra 2020-2022. Spazi molto ristretti, sia per la frenata generale dell'economia, sia per la 'zavorra' delle clausole di salvaguardia sull'Iva, che l'esecutivo resta impegnato a sterilizzare. Disattivarle «è un impegno solenne», garantisce il premier, Giuseppe Conte, spiegando però che il governo sta «lavorando a qualche modulazione, ma con beneficio per gli italiani». Al momento, pur contando di spuntare da Bruxelles nuova flessibilità per circa 10 miliardi, portando il deficit al 2,1-2,2%, mancherebbero all'appello ancora almeno altri 7 miliardi. Difficili da reperire tutti dalla spending review. Ai ministeri sarebbe stato chiesto un miliardo di risparmi, con lo sforzo maggiore in capo all'Economia e richieste minori agli altri dicasteri (ad esempio al Mise circa 50 milioni). L'asticella della crescita dovrebbe fermarsi allo 0,1% per quest'anno (un punto in meno di quanto previsto ad aprile) ed essere fissata allo 0,4% per il prossimo anno, senza contare la spinta espansiva che arriverà dal blocco degli aumenti dell'imposta sui consumi (che potrebbe valere fino a un +0,4%) e dall'altro dalla riduzione delle tasse sul lavoro.

LEGGI ANCHE --> Manovra, allo studio tassa sugli imballaggi

La riduzione del cuneo fiscale, però, ha dei costi che non è detto si riescano a sostenere per intero, almeno nel primo anno. La misura è ancora in via di definizione e, nei desiderata del Pd, dovrebbe riguardare i redditi fino a 40 mila euro (finora si era parlato di un limite a 26 mila euro o 35 mila). Anche di questo dovrebbero avere parlato Conte in un nuovo incontro con il ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri. Per alleggerire il peso della manovra, che si aggira sui 30 miliardi, si starebbe valutando l'ipotesi di non far partire la riduzione del cuneo da gennaio ma più in là, almeno da marzo-aprile, se non proprio a metà anno (i costi scenderebbero da 5 miliardi a 3-2,5 miliardi). Al momento l'esecutivo può contare sugli effetti positivi della correzione dei conti di luglio, circa 4-6 miliardi (grazie principalmente ai maggiori incassi da fatturazione elettronica, ai risparmi per reddito e quota 100 che non saranno toccati, ha confermato Conte), e su un 'tesoretto' da spread che potrebbe valere fino a 4 miliardi di minore spesa per interessi il prossimo anno: le stime possono beneficiare di un calo di oltre 100 punti rispetto ad aprile (da circa 250 a 140).

Il rapporto deficit/Pil tendenziale dovrebbe partire dall'1,6%, riducendo, di fatto, il peso delle clausole dai 23 miliardi iniziali a circa 19. A questi vanno sommate le spese indifferibili (circa 3-4 miliardi) e le risorse necessarie per il calo delle tasse per i lavoratori. Per reperire risorse fresche il governo ha già annunciato un corposo pacchetto anti-evasione, che potrebbe fruttare 3,5-4 miliardi, e comprenderà lo sconto (probabilmente il 3%) per chi paga con carte e bancomat. Intervento che potrebbe abbinarsi a una manovra sull'Iva (le aliquote non cambiano, ma, è una delle ipotesi, salgono per chi paga cash e diminuiscono per chi fa pagamenti tracciabili). C'è poi, appunto la forbice sulla spesa pubblica che, oltre ai ministeri, potrebbe concentrarsi su misure green come l'ipotesi di una tassa sugli imballaggi e la plastica (dello 0,2%) o sulla sforbiciata agli incentivi dannosi per l'ambiente, inizialmente immaginati dal ministro Costa come fonte di finanziamento per il decreto Clima, che potrebbe arrivare la prossima settimana.
 

Ultimo aggiornamento: 21:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA