CRISI DI GOVERNO

Sondaggi governo: cresce fiducia per Conte, cala Salvini. Lega 31%, Pd 22%, M5S 18%, Fdi 8%

Venerdì 30 Agosto 2019
6
Sondaggi governo, il 53,4% ha fiducia in Conte: Salvini in calo, il 42% favorevole al voto

Importante sondaggio realizzato dall'istituto di ricerca Quorum/YouTrend per Sky TG24. Gli intervistati si sono espressi sull'operato di Giuseppe Conte, del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e sulla opportunità di andare o meno a nuove elezioni. Dopo la crisi di governo il 42,8% degli italiani sarebbe andato subito al voto, per il 30,4% si sarebbe dovuto fare un governo per approvare la finanziaria, per poi andare al voto nel 2020, per il 20,6% si sarebbe dovuto fare un Governo di legislatura appoggiato da Partito Democratico e Movimento 5 Stelle, mentre per il 6,2% si sarebbe dovuto fare un nuovo Governo sostenuto sempre da Lega e Movimento 5 Stelle.

Berlusconi: Salvini ha consegnato il Paese alla sinistra

Il sondaggio si concentra poi sulla fiducia riposta nei protagonisti dell'attuale crisi di governo ed in base ai dati emerge che il 66% esprime fiducia nel Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il 53,4% si esprime positivamente sul Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, il 31,9% esprime fiducia in Matteo Salvini, il 25,7% in Luigi Di Maio. Per quanto riguarda i politici del Partito Democratico il 24,4% degli intervistati si fida di Nicola Zingaretti e il 14,6% esprime fiducia in Matteo Renzi. Inoltre il sondaggio ha chiesto se la crisi di governo ha migliorato o peggiorato l'opinione sugli esponenti politici: per il 53,5% la fiducia in Sergio Mattarella è rimasta invariata (per il 29,4% è migliorata e per il 17,1% è peggiorata), quella di Giuseppe Conte è invariata per il 43,9% (migliorata per il 32,8% e peggiorata per il 23,3%), mentre la crisi ha peggiorato l'opinione del 53,7% degli intervistati su Matteo Salvini (migliorata per il 9,9% e invariata per 36,3%), quella su Luigi Di Maio è invariata per il 48,9% (peggiorata per il 41,5% e migliorata per il 9,6%). Infine per il 52,1% l'opinione su Nicola Zingaretti è rimasta invariata (per il 33,1% è peggiorata e per 14,8% è migliorata) anche quella su Matteo Renzi è rimasta invariata per il 52,3% (peggiorata per il 40,5% e migliorata per il 7,3%). Nota metodologica: Sondaggio svolto tra il 29 e il 30 agosto 2019 con metodologia mista CATI/CAMI/CAWI su un campione di 1000 intervistati rappresentativi della popolazione maggiorenne residente in Italia, indagata per quote di genere ed età, stratificate per area macroregionale di residenza e titolo di studio. L'errore campionario è pari a +/- 3,1%, con un intervallo di confidenza del 95%.

Intenzioni di voto. Il sondaggio ha rilevato infine anche le intenzioni di voto se domani ci fossero le Elezioni Politiche: Il 53,5% saprebbe chi votare mentre il 46,5% è indeciso o astenuto. Tra chi esprime una preferenza la Lega è il primo partito in Italia, con il 31,9% seguito dal Pd con il 22,3%. Il M5S si attesta nelle intenzioni di voto al 18,6%, poi Fratelli D’Italia, che secondo il sondaggio arriverebbe al 8,8%, e Forza Italia che al 6,8%. Seguono +Europa al 4,1% e La Sinistra al 2,9%. Il 4,6% degli intervistati si orienterebbe invece verso altri partiti.
 

 

Ultimo aggiornamento: 20:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Traffico e sveglie all’alba: cosa non ci manca dell’uscire di casa

di Veronica Cursi