Giustizia e processo, scattano oggi le nuove norme per l'emergenza Covid.
Ma per gli stalker nessun rinvio

Venerdì 1 Maggio 2020 di Rosario Dimito
Giustizia e processo, scattano oggi le nuove norme per l'emergenza Covid.
Ma per gli stalker nessun rinvio
Rinviato all’11 maggio (dal precedente 15 aprile) i procedimenti civili e penali pendenti presso tutti gli uffici giudiziari. E sempre sino all’11 mggio è sospeso il decorso dei termini per il compimento di qualsiasi atto dei procedimenti civili e penali. Non rientrano nei precedenti di rinvii le cause pendenti per i tribunali per i minorenni riguardo «minori allontanati dalla famiglia quando dal ritardo può derivare un grave pregiudizio e, in genere, procedimenti in cui è urgente e indifferibile la tutela di diritti fondamentali della persona» oppure quelle per stalking («dell’ordine di allontanamento immediato dalla casa familiare»).

Sono alcune delle novità entrate in vigore l’1 maggio relative alle nuove modifiche all’art. 83 d.l. 17 marzo 2020, n. 18 (Nuove misure urgenti per contrastare l’emergenza epidemiologica da COVID-19 e contenerne gli effetti in materia di giustizia civile, penale, tributaria e militare). 
Altra novità sostanziale è la revisione dell’art. 7-bis.

«Salvo che il giudice disponga diversamente, per il periodo compreso tra il 16 aprile e il 31 maggio 2020, gli incontri tra genitori e figli in spazio neutro, ovvero alla presenza di operatori del servizio socio-assistenziale, disposti con provvedimento giudiziale, sono sostituiti con collegamenti da remoto che permettano la comunicazione audio e video tra il genitore, i figli e l’operatore specializzato, secondo le modalità  individuate dal responsabile del servizio socio assistenziale e comunicate al giudice procedente. Nel caso in cui non sia possibile assicurare il collegamento da remoto gli incontri sono sospesi».

Ma ecco il nuovo provvedimernto efficace dall’1 maggio con le evidenziazioni in rosso delle modifiche.

CLICCA QUI per scaricare il provvedimento in Pdf

  Ultimo aggiornamento: 19:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani