Draghi e il "farisaico" rispetto delle quote rosa: su Google è boom di ricerche

Draghi e il "farisaico" rispetto delle quote rosa: su Google è boom di ricerche
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 17 Febbraio 2021, 14:29 - Ultimo aggiornamento: 17:46

«Parità di genere non significa un farisaico rispetto delle quote rosa», è la frase pronunciata questa mattina dal nuovo premier Mario Draghi a proposito della linea che il suo governo intende perseguire per raggiungere la parità di genere. E mentre la frase ha riscosso un immediato successo (pioggia di retweet e citazioni), dall'altra si correva a controllare il vocabolario. La frase ha spinto moltissime persone a cercare il significato della parola «farisaico». Il premier ha utilizzato questo aggettivo per esprimere la volontà di procedere con determinazione e senza ipocrisie sul tema della parità tra uomo e donna.

Signor Presidente o Signora Presidente? Mario Draghi non ha dubbi...

 «Farisaico Sinonimo» sono state tra le parole più cercate su Google dopo la lettura di quella frase; gli utenti digitavano entrambe per capire quello che intendesse dire Draghi con questo aggettivo così preciso, dal sapore biblico. L'impennata dell'indicizzazione è stata del 110%. Un boom di ricerche.

Covid, Draghi:

"Farisaico" deriva dalla parola "fariseo", figura cardine della società ebraica dell’età precristiana, contraria ad ogni influsso straniero sulla legge. Furono criticati da Gesù e dal cristianesimo primitivo per l' eccessivo formalismo. Fariseo diventa infatti anche spregiativo, un sinonimo di uomo falso, ipocrita, che guarda più alla forma che alla sostanza delle azioni. Ecco perché "farisaico" è un «atto o comportamento formalistico, ipocrita, dettato da finto zelo o comunque falso, che nasconde le vere intenzioni di chi lo compie», secondo l'enciclopedia Treccani.

Draghi con questo aggettivo ha detto che la parità di genere è molto più che la distribuzione di responsabilità e incarichi a donne con il bilancino delle quote rosa. 

I ministri di Draghi seduti ai banchi di Governo in Aula al Senato

© RIPRODUZIONE RISERVATA