Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Campidoglio, evapora ogni ipotesi di intesa. I 5Stelle restano su Raggi: tra i dem avanza l'ex ministro Gualtieri

L'ex ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri
di Alberto Gentili
3 Minuti di Lettura
Lunedì 22 Febbraio 2021, 12:46 - Ultimo aggiornamento: 13:06

C'era stato un momento in cui un accordo tra Pd e 5Stelle per il Campidoglio sembrava possibile. Erano i giorni in cui dem e grillini, con Matteo Renzi nel ruolo di sabotatore, tentavano di tirare su il terzo governo guidato da Giuseppe Conte. E, in quello schema, per la sindaca Virginia Raggi era pronto un bel posto da ministro, in modo da lasciare la candidatura a sindaco a un “nome condiviso”. Poi, come si sa, Conte è stato sfrattato, è nato il governo di Mario Draghi di unità nazionale, l'alleanza tra il Pd, 5Stelle e Leu è tornata solo un'ipotesi futuribile. E tutta da verificare quando sarà.

M5s tra normalizzazione e carta Raggi, così il movimento è diventato un partito di Palazzo

Così adesso il Movimento, spaccato e dilaniato, è tornato su Virginia Raggi come dimostrano le parole di Luigi Di Maio: «Forza Virginia. Siamo con te». E soprattutto quelle di Beppe Grillo: «Roma ha bisogno ancora di te! Chi sta con Virginia, sta con il MoVimento». A questo punto al Pd, che non ne vuole sapere di sostenere Carlo Calenda, non resta altro che cercare un candidato.

M5S verso la scissione da Grillo: Di Battista e le nuove strategie del partito alternativo

Il nome migliore, dopo i no di Enrico Letta e Paolo Gentiloni, è diventato quello dell'ex ministro dell'Economia Roberto Gualtieri. Ecco Goffredo Bettini che disegna la linea, ammette ritardi e desideri: «Sui candidati per Roma siamo ancora indietro. Dobbiamo avere una candidatura di peso. Leggo sui giornali di Gualtieri. Rispetto totalmente le decisioni del gruppo dirigente e quello che avrà nel cuore Gualtieri, lui è una delle persone più prestigiose della politica italiana europea».

Draghi, Grillo arriva a Roma e detta le condizioni per il sì M5S: dal reddito universale alla patrimoniale

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA