Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Draghi a Genova: «Bollette luce e gas, intervento di ampia portata nei prossimi giorni. Pnrr, raggiungeremo obiettivi anche nel 2022»

Draghi a Genova: «Ponte Morandi modello di come ripartire dopo una tragedia»
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 9 Febbraio 2022, 11:27 - Ultimo aggiornamento: 22:45

«La storia recente di Genova - e il coraggio dei genovesi - ci mostrano soprattutto come ripartire dopo una tragedia. Penso a quanto successo dopo il crollo del Ponte Morandi. Voglio esprimere di nuovo la vicinanza del Governo e mia personale ai familiari delle 43 vittime, ai feriti, ai loro cari. Oggi, come quattro anni fa, il loro dolore è il nostro dolore. E voglio ringraziare la struttura commissariale, le autorità locali, il senatore Renzo Piano e tutti» quelli coinvolti nella ricostruzione. «Un esempio di collaborazione, rapidità, concretezza che è diventato un modello». Così il premier Mario Draghi in visita a Genova. 

«Grazie per questo calore che mi avete dimostrato e per le splendide parole dette da chi mi ha preceduto. È un gran piacere essere qui oggi. Ero venuto a Genova tante volte, ma erano visite rapide. La visita di oggi mi ha fatto conoscere una città che non conoscevo».

«La velocità e l'efficienza dello scalo portuale sono fondamentali per le nostre esportazioni e per l'intero settore produttivo. Oggi, il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, insieme al Programma Straordinario, ci consentono di rendere il Porto di Genova ancora più competitivo e sicuro». Ha detto il presidente del Consiglio. «È un investimento sulla città, e sull'industria regionale e nazionale, nazionale anche».

 

La rinascita di Genova

«Il mio auspicio è che lo stesso spirito di rinascita che oggi vediamo a Genova possa continuare a pervadere tutta l'Italia negli anni cruciali che abbiamo davanti». Così Draghi in visita a Genova. «Far crescere l'area portuale di Genova vuol dire scommettere sul potenziale di questa città. Sulla capacità del nostro Paese di essere protagonista nel Mediterraneo e nel mondo. Vuol dire creare occupazione e nuove opportunità per i giovani. E dimostrare che interventi di questa portata possono essere realizzati nel rispetto dell'ambiente e andare di pari passo con il miglioramento dei servizi per i cittadini. Per una città ancora più vivibile e sempre più vicina al mare. "Genova sempre nuova, vita che si ritrova", scriveva il poeta Giorgio Caproni nel suo celebre tributo alla città».

Video

Bollette e Pnrr

«Il Governo non dimentica il presente e il presente oggi ci fa vedere una realtà caratterizzata dalle difficoltà che famiglie e imprese hanno per i prezzi dell'energia elettrica. Volevo utilizzare questa circostanza per dire che il Governo sta preparando un intervento di ampia portata nei prossimi giorni»., ha spiegato Draghi. Il Pnrr «appartiene a tutti gli Italiani. Dobbiamo portarlo avanti con unità, fiducia, determinazione. Lo scorso anno abbiamo raggiunto tutti gli obiettivi. Lo stesso accadrà anche quest'anno. È una questione di serietà - verso i cittadini, e i nostri partner europei. Ed è una questione di affidabilità - perché la crescita sostenuta, equa, sostenibile è il miglior custode della stabilità».

Video

I giovani

«Un'Italia affidabile, fiduciosa nelle proprie straordinarie capacità; un'Italia dei giovani e delle donne; un'Italia che non dimentica i deboli e protegge gli anziani; un'Italia dove c'è spazio per il futuro. Questa è l'Italia per cui lavoro, per cui tutti noi dobbiamo batterci. Perché la storia d'Italia passa da tutti noi»

© RIPRODUZIONE RISERVATA