Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Comunali, domani al via ai ballottaggi. Fari puntati su Verona, se vince il Pd nuove liti nel centrodestra

Nel primo turno il centrodestra si è aggiudicato nove sindaci, il Pd ha conquistato tre municipi e un sindaco è stato assegnato a un raggruppamento di liste civiche

Comunali, domani al via ai ballottaggi. Fari puntati su Verona, se vince il Pd nuove liti nel centrodestra
3 Minuti di Lettura
Sabato 25 Giugno 2022, 16:27

Domani si vota per i ballottaggi delle comunali del 12 giugno. Si svolgeranno in particolare in 13 comuni capoluogo dopo che altri 13 sono stati aggiudicati al primo turno. Domani sera dunque si tireranno le somme di questa piccola ma non secondaria tornata elettorale. Per capire se ci saranno vincitori e vinti bisogna partire da un presupposto: dei 26 capoluoghi andati al voto ben 17 avevano giunte di centrodestra, tre avevano sindaci civici e solo sei avevano visto vincente il centrosinistra.

GLI SCENARI

Nel primo turno il centrodestra si è aggiudicato nove sindaci (strappando Palermo al centrosinistra), il Pd ha conquistato tre municipi (prendendo Lodi, in Lombardia, alla Lega) e un sindaco (a Messina) è stato assegnato a un raggruppamento di liste civiche.

Come detto, i risultati di domani sera consentiranno di tirare le somme. Il capoluogo più importante è sicuramente Verona sia come "peso" della città sia per le vicende politiche veronesi. Nella città di Giulietta e Romeo, infatti, il centrodestra è arrivato alle comunali spaccato in due fra il candidato di Fratelli d'Italia e della Lega, Federico Sboarina, e quello di Forza Italia, Flavio Tosi. In questa frattura si è inserito il candidato del centrosinistra, l'ex calciatore Damiano Tommasi, che al primo turno ha ottenuto 43.000 voti pari al 40% dei votanti. Sboarina è arrivato secondo con 35.000 consensi (33%) e Tosi terzo con 26.000 voti (24%). Sboarina e Tosi non si sono apparentati nonostante le pressioni dei rispettivi leader nazionali e dunque non è detto che il candidato di FdI e Lega riesca a recuperare i 9.000 voti di distanza da quello del Pd.

Se il centrosinistra conquisterà una città tradizionalmente di destra come Verona il Pd e i suoi alleati avranno da festeggiare, se vincerà Sboarina il centrodestra metterà una pezza sulle profonde divisioni della coalizione ma se perde c'è da scommettere su una forte ondata di polemiche.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA