Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Elezioni comunali 2022

LEGGI TUTTO LEGGI MENO
Domenica 12 giugno 2022 si vota per eleggere un nuovo sindaco e un nuovo consiglio comunale in 978 comuni italiani. Nelle città con più di 15mila abitanti, se nessun candidato ottiene la maggioranza assoluta, si va al ballottaggio il 26 giugno 2022. Sono quasi 9 milioni gli elettori chiamati al voto. Le urne sono aperte dalle ore 7 alle 23.

Al termine del voto si procede prima allo scrutinio delle schede votate per ciascun referendum (il 12 giugno si votano 5 referendum abrogativi sulla giustizia) e successivamente, dalle ore 14 del lunedì, alle operazioni di scrutinio per le elezioni amministrative, dando precedenza a quelle per le elezioni comunali e successivamente a quelle per le eventuali elezioni circoscrizionali.
 
Si vota per rinnovare le giunte in 4 capoluoghi di regione: Catanzaro, Palermo, Genova e L'Aquila. Le città più grandi che vanno al voto sono: Genova, Messina, Monza, Padova, Palermo, Parma, Piacenza, Taranto e Verona. 

Dei 26 capoluoghi di provincia che vanno al voto 4 sono commissariati: Barletta e Taranto in seguito a un voto di sfiducia, mentre a Messina e Viterbo si sono dimessi i rispettivi sindaci. I comuni che hanno un'amministrazione uscente di centrodestra sono 16, il centrosinistra ha governato in 4 comuni. Solo 2 le città dove hanno amministrato forze sostenute da liste civiche. 

Openpolis rileva una questione di disparità di genere. Nelle città con più di 50mila abitanti, tra i sindaci uscenti, c'è solo una donna.

 
1 Minuto di Lettura

Risultati per "ELEZIONI COMUNALI 2022"