Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Gabriele Bianchi, cameriere-influencer omonimo dell'assassino di Willy: «Per il mio nome Instagram mi ha negato la spunta blu»

La denuncia del 26enne toscano consacrato da 'Forbes' tra i 5 nomi più influenti del food italiano: «Penalizzato sui social senza motivo»

Gabriele Bianchi, cameriere-influencer omonimo dell'assassino di Willy: «Per il mio nome Instagram mi ha negato la spunta blu»
3 Minuti di Lettura
Lunedì 4 Luglio 2022, 16:55

«Per il mio nome Instagram mi ha negato la "spunta blu"». Una omonimia che sta creando diversi problemi d'immagine: nel giorno della condanna di Gabriele Bianchi nel processo per l'omicidio di Willy Monteiro a Colleferro, a sollevare una singolare questione è un altro Gabriele Bianchi con un profilo pubblico, ossia il cameriere-influencer toscano recentemente consacrato da 'Forbes' tra i 5 nomi più influenti del food italiano. Stesso nome e cognome, ma ovviamente nessun legame tra i due. Eppure le conseguenze sul piano dell'immagine sui social non sono affatto marginali, per il 26enne originario di Cecina (Livorno).

Gabriele Bianchi, il problema dell'omonimia

«Per colpa di questa omonimia - spiega il toscano Gabriele Bianchi - sto subendo un danno d'immagine, per il quale non posso ovviamente nemmeno chiedere un risarcimento. Passino pure i messaggi di odio che mi sono arrivati negli ultimi mesi sui canali social, ma anche alcune occasioni lavorative sono state messe in discussione proprio a causa del mio nome. Basti pensare che mi sono visto negare la 'spunta blu' da Instagram proprio per il possibile rischio di confusione tra me e la persona imputata per l'omicidio del povero Willy Monteiro Duarte».

 

«Opportunità di lavoro sfumate»

«Da quando è accaduto quel terribile fatto - dichiara all'Adnkronos il cameriere-influencer toscano Gabriele Bianxhi - ho ritrovato il mio nome accostato a quello di una persona che si è macchiata di un crimine atroce. Naturalmente ci vuol poco a capire che tra noi non c'è alcun legame, ma nel campo dei social anche una semplice omonimia può avere effetti deleteri sull'immagine di un personaggio pubblico. Ed è proprio ciò con cui sto lottando da mesi: messaggi con offese, potenziali opportunità di lavoro sfumate per il rischio di legarsi a questo nome, e via così. Il danno non è quantificabile tanto in termini economici, quanto piuttosto sul versante degli haters».

© RIPRODUZIONE RISERVATA