Maradona, Filippo Facci choc da Chiambretti: «Era diventato un drogato e un ciccione»

Maradona, Filippo Facci choc da Chiambretti: «Era diventato un drogato e un ciccione»
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 16 Dicembre 2020, 13:56

Filippo Facci contro Diego Maradona a Tiki Taka, la trasmissione di Piero Chiambretti. Secondo il giornalista di Libero, il campione argentino scomparso lo scorso 25 novembre è stato un grande calciatore (forse il più grande di sempre). Ma se poi ci si sofferma sull'uomo, il parere diventa diametralmente opposto: «Andavo periodicamente a vedere Maradona su Youtube, lui è uno dei pochi fisicamente in grado di resistere ai campioni di oggi. Tuttavia, come persona aveva dei difetti da mediocre imbecille, che è morto a 35 anni, diversamente da Paolo Rossi che è morto da vivo. I napoletani si sono identificati in lui, creando un meccanismo di deificazione che fa venire la nausea. Di Maradona riuscirò a parlare solo tra un paio di anni».

Maradona, la figlia Dalma contro l'avvocato: «Più vigliacco non potevi essere»

Parole forti che hanno suscitato delle reazioni rabbiose da parte del web, ma anche da parte del pubblico e dallo stesso giornalista e tifoso del Napoli Raffaele Auriemma, che ha replicato a Facci: «Non guardare ai difetti di Maradona, guardati allo specchio. Necessiti urgentemente un Tso dopo quello che ho sentito. Tu hai un problema con Napoli e i napoletani».

A quel punto lo studio è diventato incandescente, con Facci che ha rincarato: «Che si offendano i napoletani, io me ne frego, io sono libero di dire che Diego Armando Maradona extra calcio può essere piaciuto a tanti napoletani che l'hanno deificato, non solo per dei pregi ma anche dei difetti. Nella vita era un mediocre, un drogato, ciccione, ladro come quando segnò contro l'Inghilterra! Siete dei complessati! Maradona era diventato un cattivo esempio, un drogato, ciccione, un morto prima del tempo e voi vi offendete perché per voi non era solo un grande giocatore ma era Dio», così Filippo Facci.

Pelé ricorda Maradona: «E' passata una settimana, ti amo di più, Diego»

© RIPRODUZIONE RISERVATA