Tennis, il pontino Zeppieri zittisce tutti al Roland Garros e si qualifica

Tennis, il pontino Zeppieri zittisce tutti al Roland Garros e si qualifica
di Andrea Gionti
3 Minuti di Lettura
Venerdì 20 Maggio 2022, 11:10

Ha zittito, al termine del match, con un gesto plateale e ironico portandosi il dito alla bocca in segno di silenzio, il pubblico parigino che lo ha osteggiato per tutta la partita anche con dei buu. Dopo la qualificazione nel tabellone principale degli Internazionali d'Italia di Roma, il tennista di Latina Giulio Zeppieri ha dimostrato ancora una volta una prova di grande maturità anche nei momenti caldi e difficili - e ieri lo erano per l'altissima posta in palio - ricevendo comunque dalla stragrande maggioranza dei presenti applausi a scena aperta per quanto ammirato in campo.

Il talento di scuola pontina ha concesso il bis centrando lo storico accesso, per la prima volta in carriera, al main draw di un torneo del grande Slam, il Roland Garros 2022 Open di Francia. Nel terzo e decisivo turno di qualificazione il 20enne atleta mancino ha battuto (6-3, 6-4) dopo un'ora e 26' il padrone di casa Sean Cuenin, classe 2004, n.595 Atp, astro nascente transalpino. Il numero 215 del ranking completa una prima fase perfetta, senza lasciare per strada neppure un set, dopo aver eliminato l'ex Davisman, il bolzanino Andreas Seppi (interrotta a 66 la striscia aperta di partecipazioni consecutive agli Slam dell'altoatesino) e il rumeno Marius Copil. L'emozione è tantissima nell'ambiente di Zeppo, a cominciare da papà Leone, noto avvocato del foro di Latina, e da mamma Elisabetta, che però hanno preferito lasciare, da buoni e attenti genitori, le luci della ribalta al loro enfant prodige. Giulio, invece, fidanzato con Giulia, studentessa barese di Giurisprudenza, ha sottolineato nel dopo gara «l'asperità di un match difficile contro un ottimo avversario». «Sean mi ha dato filo da torcere avendo anche il pubblico a favore confessa - Le condizioni avverse mi hanno spinto a dare di più e sono stato bravo a mantenere calma e sangue freddo nei momenti chiave. Ora mi godo il sorteggio di stasera dove uscirà il mio sfidante, ma già essere qui, in uno scenario di questo prestigio con i migliori del circuito internazionale, rappresenta per me una splendida soddisfazione».


Una curiosità: della pattuglia dei 19 italiani presenti nel barrage delle qualificazioni (15 nel maschile e 4 nel femminile) è passato al tabellone principale soltanto Zeppieri. Tornando all'incontro, che è stato molto combattuto, dopo essere arrivato a due palle break nel quarto gioco, Giulio è riuscito a strappare il servizio a Cuenin nel sesto. La percentuale con la prima palla assieme agli errori del francese sono stati una costante nel primo set, ma l'azzurro (che si allena da febbraio all'Enjoy Tennis Center di Roma con il maestro Giuseppe Fischetti) è stato bravo a capitalizzare il tutto imponendosi 6-3. Nel secondo parziale ha gestito con precisione gli scambi da fondo riuscendo a contenere le accelerazioni del transalpino. Il quinto gioco si è rivelato il più lungo, con il latinense che ha sprecato tre palle break che potevano chiudere i giochi. Nel settimo game si è andato a conquistare altre due palle del sorpasso e stavolta si è fatto trovare pronto. Dopo due giochi interlocutori ha servito per il match sul 5-4, anche se ha dovuto rincorrere Cuenin che si era portato sul 40-0. Ma lui non ha tremato e grazie a tre ottime prime - ha chiuso con l'81% e il 63% al secondo servizio con punte di velocità sui 214 km/h - ha trascinato il game ai vantaggi. Dopo aver vanificato il primo match point, il secondo è stato quello buono. Il tennista di Latina con un gesto eloquente ha scaricato tutta la sua tensione zittendo il pubblico di casa assiepato sul Court 14, staccando il biglietto per il tabellone principale del Roland Garros.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA