Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Scatti dal fronte, il viaggio del fotografo Bruno Tamiozzo

Scatti dal fronte, il viaggio del fotografo Bruno Tamiozzo
di Elena Ganelli
3 Minuti di Lettura
Sabato 19 Marzo 2022, 13:33 - Ultimo aggiornamento: 13:34

Un bagaglio leggero, uno zaino con l'indispensabile vale a dire qualche vestito ma soprattutto una settantina di rullini di pellicola fotografica rigorosamente in bianco e nero. E' quanto basta per il viaggio che il fotografo di Latina Bruno Tamiozzo si appresta a fare nell'area della guerra tra Russia e Ucraina. Il 31 marzo partirà alla volta di Siret, una città di confine tra Romania ed Ucraina per documentare spiega - la triste realtà che il mondo sta vivendo. Sono un fotografo freelance e non vado lì per coprire un lavoro da vendere a giornali, magazine o agenzie più o meno famose, ma per una mia scelta personale, per la mia vocazione alla fotografia di documentazione. Non sarà un viaggio troppo semplice: Bruno arriverà in aereo fino a Bucarest il biglietto con validità 12 giorni è già stato acquistato - e da lì si sposterà con un'auto con la quale dalla Romania intende arrivare ai confini con l'Ucraina e poi fino a Odessa sul Mar Nero, una delle città simbolo di quel paese per storia e arte per proseguire e raggiungere la Moldavia. Quindi potrei anche rimanere più dei 12 giorni previsti dal mio biglietto aereo di ritorno. Il lavoro che realizzerò racconta - sarà prodotto esclusivamente e totalmente in pellicola medio formato bianco e nero, nessuno strumento digitale per ovviare a problematiche legate alla corrente, di cui probabilmente non disporrò durante gli spostamenti ma anche per dare una maggiore veridicità alle fotografie. E intendo lavorare alle immagini della popolazione in particolare dei bambini essendo un universo al quale sono particolarmente legato.

LA SOTTOSCRIZIONE

Per portare a termine il suo progetto Bruno ha lanciato sulla sua pagina Facebook una sorta di sottoscrizione chiedendo agli amici un piccolo sostegno, così da poter far fronte alla spesa delle pellicole. Qualsiasi cifra sottolinea - potrà essermi di aiuto. Non prometto nulla, non so come potrò sdebitarmi con chiunque vorrà aiutarmi, ma lo farò, questo è certo. Se volete sostenere questo progetto, inviate il vostro contributo al conto paypal: bruno76@libero.it oppure via Conto Bancario: Bruno Tamiozzo Iban: GB71LOYD30910856685868 BIC/SWIFT: LOYDGB21045. Il suo appello è stato recepito da numerose persone tanto che con i contributi arrivati finora sono state già acquistate numerose scatole di rulli fotografici mentre nel frattempo è arrivato l'elmetto MK6 e sono in attesa del giubbotto antiproiettile. Ringrazio ancora tutti per la disponibilità ed il supporto verso questa missione. Sarete in molti a farmi compagnia in questa nuova avventura spiega ancora - e ciò mi rende particolarmente carico. Tamiozzo si è posto l'obiettivo di realizzare un migliaio di scatti e poi, una volta stampate le fotografie, raccoglierle in un volume i proventi della cui vendita saranno destinati esclusivamente a un'associazione che svolge la propria attività in Ucraina. E nonostante da qualche anno si sia trasferito in Irlanda questo libro intende presentarlo a Latina, la sua città.
Elena Ganelli
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA