Salva la Commissione tributaria di Latina: il Ministero annulla la chiusura

Efrem Romagnoli, il presidente dell'Ordine dei commercialisti di Latina
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 2 Giugno 2021, 05:02 - Ultimo aggiornamento: 15:09

La commissione Tributaria è salva, Latina continuerà ad avere la sede e non ci sarà alcun trasferimento. Lo ha chiarito nelle ore scorse il ministero dell'Economia, dopo che nelle settimane scorse si era registrata la protesta degli Ordini professionali interessati e dei rappresentanti politici locali.


Esultano gli Ordini professionali: Riattivata la sezione n. 18 della sede distaccata di Latina della commissione tributaria regionale del Lazio. Una bella vittoria degli ordini della provincia di Latina, scrivono in una nota congiunta, sottolineando che con il decreto di ieri primo giugno, in ossequio a quanto disposto dal consiglio di presidenza della giustizia tributaria, il presidente facente funzioni della commissione tributaria del Lazio ha disposto che la sezione n. 18 della sede distaccata di Latina è riattivata a decorrere dal 1° luglio 2021, con l'applicazione del dottor Maurizio Block e della dottoressa Paola Terrinoni rispettivamente quali presidente e vice presidente, con l'assegnazione del dottor Giuseppe Coletta nella qualità di giudice e con previsione di applicazione rotativa per gli altri due giudici.

Un grande risultato per il territorio e un successo per gli ordini professionali della provincia che hanno sottoscritto l'iniziativa proposta del presidente dei commercialisti Efrem Romagnoli con l'obiettivo di evitare la chiusura della sezione. «Questo è un successo di tutti noi presidenti degli ordini provinciali - sottolinea Romagnoli - che immediatamente comprendendo l'importanza della posta in gioco, abbiamo saputo fare squadra con un'iniziativa positiva e aggregante, che ha unito anche la politica locale, così difendendo una risorsa del nostro territorio nell'interesse di tutti i contribuenti, cittadini, imprese, partite Iva e professioni. Un esempio di come la concreta unità di intenti riesca a fare la differenza».


Soddisfatto anche Claudio Durigon, il sottosegretario all'Economia di Latina: «Grazie all'impegno della Lega e alla sensibilità del ministro Daniele Franco, è stata scongiurata la prevista chiusura della Commissione Tributaria di Latina. In questo modo, i cittadini potranno contare su una struttura più vicina evitando trasferte a Roma. I contribuenti della provincia devono poter contare su una struttura dedicata, accessibile e funzionale. E questa decisione del ministro Franco va per l'appunto in questa direzione». Anche il senatore Nicola Calandrini di Fratelli d'Italia sottolinea: «Apprendo con piacere che il Ministero dell'Economia ha scongiurato la chiusura della Commissione tributaria di Latina. La chiusura sarebbe stata un grave problema per l'utenza costretta a ricorrere alla già sovraccarica sede di Roma, con un aggravio di costi e disagi, e il rischio di un notevole ritardo anche nei tempi di risoluzione dei contenziosi. Adesso auspico che il governo si impegni a renderla pienamente operativa con il giusto e necessario apporto di magistrati e assistenti, come avevo già chiesto nell'interrogazione ai ministri Franco e Cartabia».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA