Latina, disagi e tempi lunghi all'anagrafe, l'assessore Pazienti: «Carenza di organico insostenibile»

Latina, disagi e tempi lunghi all'anagrafe, l'assessore Pazienti: «Carenza di organico insostenibile»
di Andrea Apruzzese
3 Minuti di Lettura
Venerdì 22 Aprile 2022, 10:50

Una mole di lavoro e una carenza di organico insostenibili, dotazioni hardware e software carenti e obsolete, strutture ricettive non adeguate ai servizi da erogare. Ecco la situazione del servizio Anagrafe del Comune di Latina, tratteggiata dall'assessore al ramo, Laura Pazienti, nella sua risposta all'interrogazione del consigliere Gianluca Di Cocco (FdI), nel question time di ieri.
La Pazienti ha messo in fila i numeri, fin dalla popolazione: 134.697 residenti. Che, ovviamente, hanno bisogno di documenti, certificati, matrimoni, residenze. Tre sono le sedi operative: quella centrale, in via Ezio, in cui ci sono 17 effettivi, di cui 1 in part time, 1 in smart working e 8 in categoria A (uscieri), «da anni assegnati a compiti ben oltre le loro competenze», ha spiegato la Pazienti; a Latina Scalo ci sono 4 operatori, di cui una categoria C è in part time e smart working e due categorie B; a borgo Sabotino ci sono 3 unità, di cui una in categoria A. «In teoria i dipendenti sarebbero di più, ma diversi sono di fatto impossibilitati a lavorare», ha aggiunto l'assessore. L'ufficio elettorale, infine, ha due sole unità.


L'ufficio di via Ezio, da gennaio a ottobre 2021, con soli due operatori, ha rilasciato 10.497 carte di identità elettroniche; a novembre e dicembre, quando sono stati affiancati da altri quattro operatori, sono state 2.658 in soli due mesi. Sabotino ne ha rilasciate 3.490 e Latina Scalo 1.868. Relativamente alla trascrizione di atti, le sei unità dell'ufficio di stato civile, ne hanno trascritti 4.999 e rilasciato oltre 30mila tra certificati e altri documenti. Poi ci sono le nascite, le morti e le richieste di cremazione «notevolmente aumentate nel periodo di pandemica», le residenze da trascrivere. Adempimenti aumentati negli ultimi anni, e che potrebbero essere ulteriormente complicati dall'imminente ingresso a pieno regime, a gennaio 2023, in Anpr (Anagrafe nazionale persone residenti). C'è poi il tema di via Ezio, una sede che «non offre spazi adeguati, è trascurata, non funzionale, manca una vera area front office, gli spazi di ricevimento non sono adeguati e non a caso il personale ha subito contagi da Covid». E le dotazioni strumentali, «carenti e obsolete». «Il regolamento per celebrare matrimoni in aula consiliare e altre strutture c'è, e ormai la normativa sanitaria va verso la normalità: la disponibilità delle cerimonie sarà facilmente ripristinabile». «Occorre un adeguamento immediato di organico, almeno 5 unità di ufficiale di anagrafe, e profili di categoria per funzioni connesse allo stato civile, ricorrendo anche al lavoro interinale. Lavoriamo anche a una riorganizzazione interna con redistribuzione dei carichi di lavoro, e stiamo valutando come sedi strutture più centrali».


Affrontate ieri anche altre interrogazioni, ad esempio sulla riapertura della scuola di via Gran Sasso al Gionchetto («Riaprirà per il nuovo anno scolastico», ha assicurato l'assessore ai Lavori pubblici, Pietro Caschera), per la mensa di via Quarto («Sarà consegnata in agosto», ha spiegato Caschera), sulla mancata apertura del chiosco del Parco Faustinella, a causa del mancato perfezionamento del contratto, e sull'isola ecologica della Chiesuola («I lavori sono stati terminati e si attendono solo le autorizzazioni per aprirla», ha spiegato l'assessore all'Igiene urbana, Dario Bellini).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA