Vaccino, in Germania campagna sospesa: problemi alla "catena del freddo"

Vaccino, in Germania campagna sospesa: problemi alla "catena del freddo"
di Mauro Evangelisti
2 Minuti di Lettura
Domenica 27 Dicembre 2020, 16:00 - Ultimo aggiornamento: 30 Dicembre, 14:37

In alcune zone della Germania la vaccinazione contro il Covid è stata sospesa perché c'è il timore che non sia stata garantita la "catena del freddo". Come noto, il vaccino di Pfizer-BioNTech, l'unico fino ad oggi autorizzato nell'Unione europea, deve essere mantenuto a temperature molto basse: va conservato a meno 70 gradi, mentre durante il trasporto Pfizer utilizza degli speciali contenitori e il prodotto può restare a una temperatura tra 2 e 8 gradi per non più di cinque giorni.

Vaccino, AstraZeneca Oxford: «Il nostro efficace al 95%, elimina al 100% i sintomi gravi»

Cosa è successo

In sei distretti dell'Alta Franconia sono emersi dei problemi e la vaccinazione è stata bloccata. Spiega un comunicato ufficiale delle autorità locali: «Durante la lettura dei registratori di temperatura, che erano racchiusi nelle celle frigorifere acquistate centralmente, sono sorti dubbi sul rispetto della catena del freddo per il vaccino». Lo stesso è successo, secondo quanto riporta il sito di Suddeutsche Zeitung, nel distretto di Augusta. «Il registro di raffreddamento integrato mostra che la temperatura registrata durante il trasporto era inizialmente di tre gradi Celsius e successivamente di meno un grado» ha affermato Martin Sailer (CSU), amministratore del distretto di Augusta.

Successivamente, però, è stato riferito che in questo distretto il problema è risolto, ma comunque questi episodi mostrano la difficoltà della distribuzione di questo tipo di vaccino. La Bild titola in modo molto polemico: «Dopo i problemi da raffreddamento del vaccino in Baviera, ora le 1.000 dosi finiranno nella spazzatua?». Per ora in Italia problematiche di questo tipo non sono state registrate.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA