Trump pronto al ritorno in tv: per il dopo-presidenza si prepara "The apprentice: White House"

Giovedì 7 Novembre 2019 di Anna Guaita

NEW YORK – George Bush si è dato alla pittura e Barack Obama alla scrittura. Donald Trump intende invece tornare alla tv. Il presidente, che corre per la rielezione l’anno prossimo, è da tempo in contatto con Mark Burnett, il producer delle due serie di reality tv che lo hanno reso famoso al grande pubblico, “The Apprentice” e “Celebrity Apprentice”. Da quanto rivela il Daily Beast, i due amici avrebbero già in mente il titolo della possibile futura serie “The Apprentice: White House”.

Hillary e Chelsea Clinton, un progetto per Netflix su film al femminile
 
La terza serie del programma di reality che Trump medita di portare sul piccolo schermo avrebbe un carattere politico, che farebbe leva sia sulla sua esperienza alla Casa Bianca, sia sulla popolarità di cui ora gode presso il partito repubblicano.
 
Vari collaboratori e amici del presidente hanno effettivamente confermato che nei tre anni da che Trump è stato eletto presidente, ha spesso confessato di sentire la mancanza del lavoro in tv e di volerci tornare.
 
E’ anche opinione largamente condivisa nel Paese che sia stato proprio “The Apprentice” a creare il mito di Trump grande uomo d’affari e a mettere le fondamenta della sua campagna presidenziale. In realtà, quando Burnett lo contattò la prima volta per condurre il programma, la stella di Trump era già calante. I suoi affari avevano subito vari tracolli e anche la sua popolarità nel bel mondo newyorchese era appannata. E’ stata la tv risollevare le sue sorti finanziarie e a farlo conoscere fin negli angoli più remoti del Paese.
 
“The Apprentice” e il suo derivato, “Celebrity Apprentice”, sono andati avanti per 15 stagioni l'uno e per 7 l'altro. L’ultima stagione di “Celebrity Apprentice” tuttavia non è stata condotta da Trump. Nel 2015 l’allora candidato presidenziale venne licenziato dalla Nbc dopo che fece un discorso di annuncio della candidatura in cui parlò degli immigrati e dei messicani come di «criminali e stupratori». Al posto di Trump, fu chiamato Arnold Schwarzenegger, attore ed ex governatore della California. Ma – con grande soddisfazione di Trump – Schwarzy non è riuscito a ad assicurarsi una buona fetta dell’audience, e si è licenziato.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, sul tram 8 l'incontro con l'assassino

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma