Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Telegram, l'app della guerra: ecco perché è così importante (anche per vincere le battaglie)

Funzionari del governo ucraino, ma anche il presidente Volodymyr Zelensky, fanno affidamento sull'app per qualsiasi cosa, dall'organizzazione del sostegno globale alla diffusione di avvisi di incursioni aeree e mappe dei rifugi antiaerei locali

Telegram, l'app della guerra: ecco come è diventata fondamentale (anche per vincere le battaglie)
4 Minuti di Lettura
Venerdì 22 Aprile 2022, 12:02 - Ultimo aggiornamento: 14:26

La guerra in Ucraina si combatte anche su Telegram. Con i suoi 500 milioni di utenti è uno dei social più usati per scambiarsi informazioni e comunicazioni sul campo di battaglia e nelle città assediate, anche perché è utilizzato sia dagli ucraini che dai russi. Quindi, ha sintetizzato Time in un ampio approfondimento sul fenomeno, «è uno strumento per entrambi i governi e un hub di informazioni per i cittadini di entrambe le parti. Funzionari del governo ucraino, ma anche il presidente Volodymyr Zelensky, fanno affidamento sull'app per qualsiasi cosa, dall'organizzazione del sostegno globale alla diffusione di avvisi di incursioni aeree e mappe dei rifugi antiaerei locali. Così fanno sia il governo russo che i canali dell'opposizione russa, che ora si trovano tagliati fuori dalla maggior parte dei social media tradizionali. Telegram è emersa come la piattaforma di social media che offre al mondo una visione non filtrata della guerra». Secondo Clint Watts, un ex agente dell'Fbi e membro del Foreign Policy Research Institute «è l'ultimo ponte sui social media dal mondo occidentale al mondo russo, dove puoi vedere cosa sta succedendo e come sta andando la battaglia».

Così nascono gli aggiornamenti sulla guerra

Time riporta la testimonianza di Nataliia Nezhynska che vive a Lorton, in Virginia, e non aveva mai usato Telegram prima dell'invasione dell'Ucraina. Ma ora l'utilizza per avere tutta una serie di aggiornamenti su Kharkiv, la sua città natale. «Cosa sta facendo l'esercito, quanti elicotteri hanno distrutto, alcune notizie sui rifornimenti, battute condivise, eroi locali», dice Nezhynska, che ha prestato servizio come medico nell'esercito degli Stati Uniti per cinque anni. «Penso che sia uno strumento molto utile per documentare i crimini di guerra, dal momento che contiene molte riprese dal vivo di attentati dai telefoni dei residenti e anche dalle telecamere di sicurezza». Il social è stato utilizzato da più di tre milioni di rifugiati ucraini per individuare i percorsi da utilizzare. E sia gli ucraini residenti all'estero sia le famiglie dei soldati russi lo utilizzano per avere notizie oppure cercare foto e video con volti familiari. Inoltre, ha ricordato Time, non esiste un algoritmo che decida cosa mostrare agli utenti o cosa limitare, c'è invece la possibilità di formare gruppi illimitati e di tradurre i messaggi dal russo all'inglese o in altre lingue. «Telegram è diventato fondamentale nella guerra dell'informazione», ha detto Ian Garner, storico e traduttore.

I soldati russi si ribellano a Putin: «Non ci paga, non combattiamo». I ceceni (alleati dello Zar) giustiziano i capi della rivolta

Lo stesso Zelensky usa Telegram per condividere video e informazioni. In tre settimane, fa sapere Time, il suo canale, che aveva 65.000 follower il 23 febbraio, è cresciuto in modo esponenziale. Un pubblico internazionale di oltre 1,5 milioni di persone segue ora i suoi aggiornamenti. E i funzionari ucraini si scambiano notizie sui raid aerei, la mappa dei rifugi, i consigli sulla sicurezza. Ma anche i russi lo stanno utilizzando sempre di più. Un'analisi di 187 canali di notizie in lingua russa fornita a Time da una società tecnologica del Regno Unito che contrasta la disinformazione, mostra che i loro abbonati sono cresciuti del 48% dal 24 febbraio, con un balzo di 8 milioni. In Russia il social è molto usato da gruppi di opposizione. Ma anche il governo russo «ha bisogno di Telegram», afferma Garner. «I loro siti web continuano a essere rimossi e ad avere interruzioni, quindi hanno detto alle persone di seguirli su Telegram per avere notizie».

© RIPRODUZIONE RISERVATA