Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Taiwan prepara due esercitazioni di artiglieria «a fuoco vivo» in risposta alle minacce della Cina. L'isola accerchiata da 14 navi e 66 caccia cinesi

Le unità militari coinvolte includono il comando di artiglieria, le truppe di fanteria di stanza a Pingtung, il comando di difesa di Hualien e la guardia costiera dell'isola

Taiwan prepara due esercitazioni di artiglieria «a fuoco vivo» in risposta alle minacce della Cina
4 Minuti di Lettura
Domenica 7 Agosto 2022, 11:17 - Ultimo aggiornamento: 8 Agosto, 15:51

La tensione a Taiwan resta alta, specialmente dopo le crescenti minacce militari di Pechino che nelle scorse ore hanno simulato degli attacchi contro l'isola. Taiwan preparaora  le sue manovre militari in risposta alle maxi esercitazioni dell' Esercito popolare di liberazione intorno all'isola avendo in settimana due cicli di tiri d'artiglieria «a fuoco vivo», con proiettili veri, su larga scala nel sud dell'isola per testare la prontezza al combattimento di fronte alle minacce dell'Esercito popolare di liberazione (Pla).

Taiwan prepara due esercitazioni di artiglieria «a fuoco vivo» in risposta alle minacce della Cina

L'isola accerchiata: 14 navi e 66 caccia

Pechino non ha rilasciato annunci sulla fine dei suoi war games, programmati dal 4 al 7 agosto, ma il ministero dei Trasporti di Taiwan ha reso noto un ritorno alla normalità dopo che «l'interdizione al volo e alla navigazione» in sei delle 7 zone intorno all'isola - off-limits per le attività militari cinesi come reazione alla visita a Taipei della speaker Usa Nancy Pelosi - era venuta meno da mezzogiorno.

Però, il bando sulla settima zona, nelle acque a est, sarebbe rimasto in vigore fino alle 10 locali (4 in Italia) di lunedì 8 agosto. In serata, il ministero della Difesa taiwanese ha riferito la rilevazione di 14 navi e 66 caccia da guerra cinesi nell'area di difesa, con un totale di 22 aerei che hanno volato sulla parte orientale della linea mediana dello Stretto e nella zona di sudovest dell'area di identificazione aerea. Dal bollettino è emerso anche che navi militari, aerei e droni hanno simulato attacchi all'isola e alla marina di Taipei, a cui le forze armate della Repubblica di Cina (nome ufficiale di Taipei) hanno risposto inviando aerei e navi per reagire «in modo appropriato».

Taiwan ha affermato che i suoi missili anti-nave e terra-aria Patriot erano in stand-by, mentre i caccia F-16 - secondo il protocollo - hanno volato con missili antiaerei avanzati, pubblicando le fotografie di sistemi antinave Harpoon caricati. A dispetto della tensione altissima, entrambe le parti hanno mostrato moderazione, anche durante la decina di casi di inseguimento tra le rispettive marine militari. Dal lato cinese, il network statale Cctv ha riferito in tarda serata, attraverso un commentatore, è tornato a ribadire che l'esercito condurrà esercitazioni «regolari» sul lato taiwanese della linea mediana, affermando che il «compito storico» della «riunificazione» della Cina potrebbe essere realizzato. Le manovre della Pla «sono state prorogate. È un disprezzo per l'avvertimento congiunto di Stati Uniti, Giappone e Australia. Per i cinesi, riguardo alla questione di Taiwan, questi 3 Paesi sono tigre di carta, cane di carta e gatto di carta in questo ordine», ha tuonato su Twitter Hu Xijin, ex direttore e ora commentatore del tabloid nazionalista Global Times. Non è chiaro a cosa si riferisse Hu, ma l'Amministrazione per la sicurezza marittima di Dalian ha reso noto in giornata che il mare di Bohai accoglierà «compiti militari» dalla mezzanotte dell'8 agosto alle 24 dell'8 settembre.

Le manovre di Taiwan

Mentre un altro ciclo di tiro d'artiglieria con munizioni vere si concluderanno il 15 agosto, ma nella parte meridionale del mar Giallo, di fronte alla Corea del Sud. Si tratta di attività del Comando del teatro orientale della Pla che consentono di continuare a tenere truppe e armamenti ancora operativi sul campo. Quanto a Taiwan, le sue manovre coinvolgeranno martedì e giovedì il comando d'artiglieria, le truppe di fanteria di stanza a Pingtung, il comando di difesa di Hualien e la guardia costiera dell'isola. In più, 78 mortai leggeri sviluppati su base locale e sei obici di fabbricazione statunitense saranno usati per le prove di tiro in aria e in mare. Inoltre, l'esercito condurrà le operazioni annuali il 5 settembre, sempre a Pingtung, con battaglioni di armi combinate, veicoli da combattimento, veicoli corazzati Clouded Leopard e mortai. Tutti elementi a segnalare la nuova normalità tra le due sponde dello Stretto.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA