Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Russia, minacce ai soldati che si rifiutano di andare in Ucraina: «Rappresaglie contro le loro famiglie»

Russia, minacce ai soldati che si rifiutano di andare in Ucraina: «Rappresaglie contro le loro famiglie»
2 Minuti di Lettura
Lunedì 18 Aprile 2022, 15:44 - Ultimo aggiornamento: 19 Aprile, 11:15

Minacce ai soldati russi che si rifiutano di andare in guerra in Ucraina. I russi che si rifiutano di combattere vengono minacciati di rappresaglie contro i loro familiari: lo rivela l'intelligence di Kiev, secondo quanto riporta Unian. In un messaggio pubblicato su Facebook, la direzione dell'intelligence del ministero della Difesa ucraino ha inoltre reso noto che un crescente numero di soldati russi si rifiuta di partecipare alla guerra contro l'Ucraina.

Guerra in Ucraina, diretta. L'Isis: sfruttare la guerra per attaccare l'Europa. Missili su Leopoli, a Kreminna spari su civili in fuga

Rifiuti al 70% del totale

«L'ondata di rifiuti di partecipare alla guerra contro l'Ucraina continua nell'esercito russo - si legge nel messaggio -. È stato confermato che tra i "soldati a contratto" nelle unità della 150ma divisione motorizzata dell'8a armata del distretto militare meridionale della Forze armate russe, il numero dei rifiuti ha raggiunto il 60-70% del totale del personale». Allo stesso tempo, gli alti ufficiali dell'esercito, inclusi gli ufficiali dell'FSB (i servizi d'intelligence russi) «lavorano» con i militari che si rifiutano di andare in Ucraina: «Le persone vengono persuase a prendere parte ad azioni offensive. In caso di rifiuto ripetuto, vengono minacciate di rappresaglie contro i loro parenti», sottolinea il messaggio.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA