Ragazzo di 14 anni muore durante il percorso a ostacoli al campo estivo

Venerdì 19 Luglio 2019 di Simone Corbetta

Un ragazzo di quattordici anni è morto mentre stava affrontando un percorso ad ostacoli all’interno di un campo avventura per la fine dell’anno scolastico. E’ accaduto all’interno del centro “Camelot Events” a Beare Green, nel Surrey. L’azienda offre attività outdoor come percorsi ad ostacoli, campi avventura, paintball e tiro con l’arco.

Quattordicenne annegato, indagati tre bagnini: oggi l'autopsia
Igor morto a 14 anni per un "gioco" sul web, sequestrati i siti sull'autosoffocamento

Sembrerebbe, stando a quanto riportato dal Daily mail, che il ragazzo sia crolato a terra a seguito di un malessere mentre lui ed altri compagni stavano affrontando un percorso fangoso. Una donna che stava lavorando nelle vicinanze ha riferito che dopo che il ragazzo è crollato a terra i compagni sono rimasti sotto choc e portati nella club house del centro per calmarsi: «Ho visto due macchine della polizia e tre ambulanze, sembrava abbastanza grave. Alcuni ragazzi sono venuti a prendere delle cioccolate calde o cose del genere ed ho sentito dire che il ragazzo avesse sbagliato qualcosa durante il percorso ed avesse ingerito molto fango». I servizi di emergenza si sono precipitati dopo che è stato lanciato l’allarme. Anche un elicottero è giunto sul posto ma non c’è stato nulla che il personale sanitario potesse fare per rianimarlo.

La polizia del Surrey ha riferito che, per il momento, le cause della morte non sono chiare:”In questa fase si pensa che la morte del ragazzo non coinvolga terzi”. I parenti del ragazzo sono stati informati e un fasciscolo è stato inviato all’ufficio del coroner, ha aggiunto la polizia.

Camelot Events, attraverso una responsabile, Lisa Edwards, ha poi precisato che il ragazzo era sulla terraferma quando ha collassato ed è crollato a terra: «Questo incidente non è collegato alla sicurezza del percorso ad ostacoli. Vorremmo anche chiarire che, nonostante le precedenti segnalazioni, il ragazzo non si trovava su un ostacolo ma sulla terraferma quando si è verificato il tragico evento. Abbiamo mandato le nostre più sentite condoglianze alla famiglia del ragazzo ed alla scuola. Il nostro pensiero continua ad essere rivolto alle persone rimaste colpite in questo momento difficile. Il nostro personale ha lavorato instancabilmente per salvare il ragazzo».

Ultimo aggiornamento: 18:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Tutti in fila per la macchina mangia-plastica (che però è rotta)

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma