Molestie, Harvey Weinstein condannato a 23 anni di prigione

Mercoledì 11 Marzo 2020

Per Harvey Weinstein è arrivato il giorno del giudizio: l'ex re di Hollywood sconterà 23 anni in una prigione dello stato di New York per aver abusato di Miriam Hailey, ex assistente di produzione di «Project Runway» e dell'aspirante attrice Jessica Mann, due delle quasi cento donne uscite dal 2017 allo scoperto con accuse all'ex re di Hollywood di molestie e stupri.

La Vita in Diretta, Asia Argento su Weinstein: «La denuncia? Fiera di averlo fatto»
Weinstein colpevole di molestie sessuali e stupro: rischia 25 anni di carcere

È una sentenza esemplare, quella decisa dal giudice James Burke, anche se con un piccolo sconto sul massimo della pena di 29 anni chiesta dal pubblico ministero. «Anche se questa è la prima sentenza del genere, non è per una prima violazione della legge», ha premesso Burke alludendo ad accuse che risalgono addirittura agli anni settanta. Il movimento #MeToo ha applaudito la decisioend ella corte: «Ho pianto di commozione», ha detto Mira Sorvino, mentre per Ashley Judd, Rose McGowan e le altre 'Silence Breakers', «nessuna pena detentiva potrà riparare tante vite distrutte e carriere rovinate» Prima della sentenza le accusatrici dell'ex produttore avevano rinnovato in aula la loro drammatica testimonianza. La Haley, che Weinstein ha costretto a un atto di sesso orale nel 2006, ha detto che l'aggressione le ha cambiato per sempre la vita: «Ha violato la mia fiducia e il mio corpo. Non mi ha soltanto spogliato della mia dignità come essere umano e come donna. Ha diminuito la mia fiducia in me stessa».

Weinstein, reduce da un'operazione al cuore, era arrivato in tribunale in sedia a rotelle. In un delirante messaggio alla corte, in cui ha evocato la «crisi dell'America», l'uragano Sandy, il comunismo e l'11 settembre, ha detto di aver pensato che ogni rapporto con le sue accusatrici fosse consensuale e di sentirsi «totalmente confuso» per quel che gli sta accadendo. «Le nostre verità possono essere diverse ma provo veramente rimorso», ha detto l'uomo dietro successi di Hollywood come «Shakespeare in Love» e «Pulp Fiction». Invano i difensori hanno implorato clemenza, auspicando i cinque anni previsti dal minimo della pena alla luce dello stato di salute del condannato, le sue attività filantropiche e i rapporti con le figlie che non lo vogliono vedere da quando nell'ottobre 2017 uscì il primo scoop del New York Times. Il giudice Burke non si è lasciato commuovere: ha condannato Weinstein a 20 anni per l'aggressione contro la Haley e altri tre per lo stupro di terzo grado (un rapporto sessuale non consensuale) della Mann. Ma per Weinstein non è finita: concluso il processo di New York, dovrebbe aprisi quello di Los Angeles dove l'ex produttore deve rispondere di nuove accuse.

Ultimo aggiornamento: 12 Marzo, 07:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani