Weinstein colpevole di molestie sessuali e stupro: rischia 25 anni di carcere

Lunedì 24 Febbraio 2020 di Anna Guaita
Weinstein riconosciuto colpevole di aggressione sessuale

Una giuria composta da sette uomini e cinque donne ha riconosciuto che il produttore cinematografico Harvey Weinstein è colpevole di aggressione sessuale e stupro di terzo grado, ma ha anche stabilito che è innocente di stupro di primo grado. Lo stupro di terzo grado è uno stupro in cui non viene usata un’arma. L’ex re di Hollywood rischia una condanna a 25 anni di prigione, ed è stato trattenuto in detenzione immediatamente dopo la lettura della sentenza. La condanna verrà stabilita dal giudice James Burke il prossimo 11 marzo.

LEGGI ANCHE Il #MeToo rischia di affossare Bloomberg e la sua campagna elettorale per la Casa Bianca
 


La giuria è rimasta in camera di consiglio per cinque giorni, e ha spesso chiesto di riesaminare le prove e di riascoltare le testimonianze.

 Le denunce pubbliche contro Weinstein sono state di fatto il carburante che ha dato inizio al movimento #MeToo: «Le donne che si sono fatte avanti hanno portato la legge nel 21esimo secolo – ha detto il procuratore distrettuale di Manhattan, Cy Vance -.  Ci hanno aiutato a chiarire una volta per sempre che lo stupro è stupro sia che avvenga in un vicolo buio che negli eleganti salotti dell’alta società».  Vance ha continuato: «Voi donne avete rotto il silenzio e frantumato l’omertà, e una generazione di vittime di assalti sessuali ha ascoltato le vostre parole »
 
Weinstein ha cercato di contrattaccare e sostenere che il sesso era sempre stato consensuale. Ha tentato di screditare le donne che lo accusavano, e si è avvalso dell’aiuto di avvocati di grido. Si è anche presentato come malato e fragile, spesso recandosi in tribunale con la barba lunga e aiutandosi con un deambulatore. In risposta, varie attrici che lo avevano denunciato per  molestie e comportamento predatorio hanno protestato davanti al tribunale durante il processo: «Sta recitando bene», ha ironizzato l’attrice Rose McGowan, che era insieme alla collega Rosanna Arquette. Tutte e due hanno accusato Weinstein di molestie  e di aver rovinato le loro carriere dopo i loro rifiuti di fare sesso con lui.

Il processo che si è appena concluso si concentrava sulle accuse delle attrici Annabella Sciorra, interprete dei “Soprano”, della produttrice  Mimi Haley e dell’aspirante attrice Jessica Mann. Da quando lo scandalo è esploso almeno 80 donne hanno sostenuto che Weinstein le aveva molestate.
  
Weinstein è stato uno dei più importanti produttori di Hollywood.  Fra i suoi titoli si ricordano “Shakespeare in Love” e “The English Patient”. All’apertura del processo, lo scorso 6 gennaio, però, il procuratore distrettuale di Manhattan aprì così il suo discorso: «L’uomo che vedete qui seduto non era un titano di Hollywood, era uno stupratore».
 

 

Ultimo aggiornamento: 18:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Dalla candeggina ai contagi: ecco le bufale su cani e gatti

di Marco Pasqua