Mamma va a giocare a bingo e lascia il figlio di 1 anno in auto con 40°: gravi danni cerebrali per il bimbo

La corte della Contea del Victoria (Australia) ha giudicato colpevole Kaija Millar per aver abbandonato il piccolo Easton per 5 ore

Mamma va a giocare a bingo e lascia il figlio di 1 anno in auto con 40°: gravi danni cerebrali per il bimbo
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 3 Novembre 2021, 09:41 - Ultimo aggiornamento: 10:02

La 32enne Kaija Millar è stata giudicata colpevole da una corte australiana per aver lasciato suo figlio Easton in auto per 5 ore con una temperatura esterna vicina ai 40°, mentre lei giocava a bingo in un vicino pub. I fatti risalgono a gennaio 2020, ma oggi la corte della Contea del Victoria (Australia) ha incriminato la donna, riservandosi di emanare la condanna entro 3 mesi. Il bimbo, che all'epoca aveva 14 mesi, ha riportato gravissimi danni cerebrali, che lo hanno lasciato cieco e paralizzato.

Il corpo in decomposizione di un bambino trovato nella 'casa degli orrori'. A vegliarlo tre fratellini abbandonati dai genitori

Australia, mamma lascia il figlio in auto e va giocare a bingo

Il 9 gennaio dello scorso anno Kaija Miller si è recata in un pub nella periferia di Melbourne per giocare a bingo ed alle slot machine. Aveva portato con sé suo figlio, Easton, ma ha deciso di lasciarlo in auto nonostante la temperatura esterna segnasse 37,5°. Il piccolo è rimasto chiuso nel veicolo per oltre 5 ore, fino a quando la madre è uscita dal pub e lo ha trovato incosciente, con gli occhi sbarrati e «di un colorito grigio-blu». Kaija Miller ha immediatamente chiamato i soccorsi, ma ha mentito ai medici raccontando che il piccolo era stato intossicato dal fumo di un incendio di sterpaglie. 

Quando è arrivato in ospedale, la temperatura corporea di Easton era di 40°, aveva un'insufficienza renale e danni al fegato. Irreversibilmente danneggito anche il suo cervello: il piccolo, infatti, non è più in grado di vedere e di muoversi. Kaija Millar ha provato a coprire le sue azioni, chiedendo anche di non raccontare nulla a suo marito, ma le registrazioni delle telecamere di sorveglianza la incastrano. La sentenza definitiva è attesa entro 3 mesi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA