​Iran, oltre duemila arresti nelle proteste per il caro benzina: molti rilasciati tranne quelli guidati dall'estero

Martedì 3 Dicembre 2019
Iran, oltre duemila arresti nelle proteste: molti rilasciati tranne quelli guidati dall'estero

Sono almeno 2.021 le persone arrestate durante le manifestazioni contro il rincaro della benzina in Iran. Lo ha annunciato il governatore di Teheran, Anoushiravan Mohseni-Bandpey, secondo cui «molti sono stati interrogati e poi rilasciati, ma quelli che hanno ricevuto istruzioni dall'estero per incendiare le strade e destabilizzare il Paese sono ancora detenuti».

Secondo il governatore, dall'avvio delle proteste a metà novembre nell'area della capitale iraniana sono stati incendiati 47 negozi e 29 stazioni di servizio e danneggiati gli uffici di 140 banche. Il capo della polizia di Teheran, il brigadiere generale Hossein Rahimi, ha inoltre riferito oggi di 51 arresti per saccheggi e danneggiamenti di istituto di credito, stazioni di servizio e negozi. Lo riporta l'Irna. Le autorità della Repubblica islamica non avevano ancora fornito un bilancio preciso degli arresti, né delle vittime. Secondo Amnesty International la repressione ha provocato almeno 208 morti, ma stamani la magistratura iraniana ha negato queste cifre, definendole «menzogne assolute» diffuse da «gruppi ostili».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Eeeee Macarena!»: la foto che mostra quanto è complicato vivere a Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma