Impedisce il decollo per aspettare la figlia che fa shopping, sull'aereo scoppia la rissa

Giovedì 16 Maggio 2019 di Alix Amer
2

Una passeggera cinese ha scatenato il caos a bordo di un aereo pronto a decollare da Bangkok a Shanghai bloccando il volo. Il motivo? Per aspettare la figlia che stava finendo di fare shopping. L’attesa è stata talmente lunga che gli altri 160 passeggeri hanno perso la pazienza ed hanno iniziato ad alzare la voce e perdere la pazienza. Mentre la mamma ha impedito al personale di chiudere la porta dell’aereo per il decollo, un altro passeggero l’ha ripresa mentre si era seduta sul ponte jet all’esterno dell’aeromobile. Il video è finito su molti siti cinesi. L’autore del caricamento del filmato, noto come “da meng ya”, era una delle tante persone a bordo. 

Jesolo, boato fa tremare le case: paura tra la gente, ma era il bang supersonico di un caccia
Il carrello dell'aereo non si apre: atterraggio da brivido (e da manuale) per 89 passeggeri

L’incidente è avvenuto questa mattina sul volo 9c8892 della compagnia aerea cinese Spring Airlines pronto a decollare alle 3.30 da Bangkok Suvarnabhumi Airport. I negozi duty-free in aeroporto sono aperti 24 ore su 24. E la ragazza li ha girati quasi tutti. La compagnia aerea ha detto che il volo avrebbe dovuto trasportare 162 passeggeri, compresa la persona che era salita a bordo (la mamma) e il passeggero che non era arrivato alla porta d’imbarco (la figlia). La ragazza aveva persino chiamato la polizia dell’aeroporto per chiedere che attendessero il suo arrivo e intanto continuava le sue compere. Dopo una quarantina di minuti e l’ira degli altri passeggeri, le due donne hanno rinunciato al viaggio per prendere un volo seguente.
 

Alla fine l’aereo è atterrato all’aeroporto internazionale di Shanghai Pudong alle 9.14, con oltre un’ora di ritardo rispetto all’orario previsto, con i piloti che hanno tentato di recuperare il più possibile. Spring Airlines ha condannato il comportamento “non civile” delle due passeggere, mentre gli utenti cinesi hanno invitato le autorità del turismo a inserirli nella lista nera. Nel 2015 l’ente nazionale per il turismo (Cnta) della Cina ha varato una serie di regolamenti per penalizzare i turisti indisciplinati: una mossa da Pechino volta a sensibilizzare l’opinione pubblica sull’etichetta di viaggio.  
 

Ultimo aggiornamento: 17 Maggio, 01:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA