Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Fossili umani ritrovati in Sudafrica: hanno 3,6 milioni di anni. La scoperta dei ricercatori statunitensi

Fossili umani ritrovati in Sudafrica: hanno 3,6 milioni di anni
di L.Jatt.
4 Minuti di Lettura
Giovedì 30 Giugno 2022, 18:06 - Ultimo aggiornamento: 18:09

I fossili dei primi antenati umani rinvenuti in una grotta sudafricana hanno un’età compresa tra 3,4 e 3,6 milioni di anni, il che li rende un milione di anni più vecchi di quanto sospettato in precedenza e sconvolge il modo in cui i ricercatori comprendono le origini e l’evoluzione umana.
Questa nuova data rende i fossili della grotta di Sterkfontein più antichi del famoso fossile di Lucy (noto anche come Dinkinesh) dall’Etiopia. Trovato nel 1979, Lucy rappresentava la specie Australopithecus afarensis e visse 3,2 milioni di anni fa.
I fossili appena datati, anch’essi appartengono anche al genere Australopithecus, un antico ominide che inizialmente si pensava vivesse da 2 milioni a 2,6 milioni di anni fa. I ricercatori hanno utilizzato una nuova tecnica per datare i sedimenti delle grotte di Sterkfontein, che fanno parte della culla dell’umanità, patrimonio mondiale dell’Unesco, a circa 30 miglia (50 chilometri) a nord-ovest di Johannesburg.
Le grotte incluse in questa rete hanno rivelato dettagli sull’evoluzione umana e ambientale che abbracciano circa 4 milioni di anni. Il sito ospita un tesoro di fossili che aiutano a raccontare la storia dell’evoluzione umana, una storia che sembra cambiare a ogni scoperta.

L’importanza delle Grotte di Sterkfontein venne alla luce nel 1936, quando il paleontologo Dr. Robert Broom fece la scoperta del primo fossile adulto di Australopiteco. Da allora sono stati trovati centinaia di fossili di Australopithecus, incluso il famoso Little Foot, che visse 3,67 milioni di anni fa. Oggi rappresenta lo scheletro più completo dell’Australopithecus e sta aiutando i ricercatori a saperne di più sui nostri antenati simili a scimpanzé.
«Sterkfontein contiene più fossili di Australopithecus che qualsiasi altra parte del mondo» ha affermato l’autore principale dello studio, Darryl Granger, professore di scienze della Terra, atmosferiche e planetarie al College of Science della Purdue University. «Ma è difficile - ha ancora detto - ottenere una buona data circa la loro esistenza. Le persone hanno esaminato i fossili di animali trovati vicino a loro e hanno confrontato l’età delle caratteristiche delle caverne come le pietre di flusso e hanno ottenuto una serie di date diverse. Quello che fanno i nostri dati è risolvere queste controversie. Mostra che questi fossili sono antichi, molto più antichi di quanto pensassimo inizialmente».

Per datare i sedimenti delle caverne, Granger ha applicato un metodo che ha sviluppato per la prima volta a metà degli anni ‘90 e che ora è utilizzato da molti ricercatori nel campo. Granger lavora con nuclidi cosmogenici, «particelle radioattive molto rare che sono prodotte all’interno di grani minerali dai raggi cosmici provenienti dallo spazio» ha detto. L’alluminio-26 e il berillio-10 sono due esempi di nuclidi cosmogenici, entrambi trovati nel quarzo minerale. L’alluminio-26 si forma quando una roccia viene esposta ai raggi cosmici mentre si trova sulla superficie terrestre. Ma questo non può succedere una volta che si trova all’interno di una grotta. «Il loro decadimento radioattivo risale a quando le rocce furono sepolte nella grotta, cioè quando caddero all’ingresso insieme ai fossili» ha detto ancora Granger.
In precedenza, ha usato il suo metodo per datare il fossile di Little Foot. Ma l’età degli altri fossili di Australopithecus all’interno delle grotte di Sterkfontein è stata dibattuta, principalmente perché il sistema di grotte, profondo e complesso, ha una lunga storia di occupazione da parte di ominidi che vivevano nell’area in quel momento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA