Il figlio di 2 anni muore d'influenza, mamma attaccata dai no vax: «Te lo sei inventato»

Giovedì 21 Marzo 2019 di Alessia Strinati
3
Il figlio di 2 anni muore d'influenza, mamma attaccata dai no vax: «Te lo sei inventato»

Il figlio muore per influenza e contro di lei si scatena l'odio dei no vax. Jill Promoli, aveva messo a letto i suoi gemellini di due anni, Jude aveva un po' di febbre, dovuta all'influenza, ed era convinta che con un po' di caldo e sonno sarebbe tutto passato, quando però la mattina dopo è andata a svegliarlo ha fatto la scoperta choc.

Il suo bambino era morto nel sonno, proprio a causa di quella che sembrava essere una banale influenza. A nulla sono valsi i tentativi di rianimarlo, quando sono arrivati i soccorsi non hanno potuto fare altro che dichiarare il decesso, come riporta la stampa locale. La tragedia però è stata  acutizzata dalla reazione della rete. Ad uccidere il bimbo è stata  l'influenza di tipo B, infezione per la quale la donna aveva ritenuto superfluo sottoporre il figlio a una vaccinazione, credendo che una banale influenza non avrebbe potuto farci nulla.

Le cose, purtroppo, sono andate diversamente, così la mamma si è battuta per sensibilizzare tutti i genitori alle vaccinazioni, per far sì che quanto accaduto a lei non si ripeta più. Mentre portava avanti la sua battaglia per le vaccinazioni, è stata presa di mira dai no vax che l'hanno insultata e minacciata, arrivando anche a dire che suo figlio, in realtà, non è mai esistito e che lei si è inventata tutto per spaventare i genitori. Sembra essere questa la nuova strategia di alcuni no vax, infatti, quando si apprende dalle cronache o dai genitori stessi, che un bimbo è morto a causa delle mancate vaccinazioni, iniziano ad insinuare che il bambino non è mai esistito, negando i rischi del non vaccinare. 
 

Ultimo aggiornamento: 17:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Romani pronti al rientro ma potrebbero ripensarci

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma