CORONAVIRUS

Coronavirus, parte il volo per riportare Niccolò in Italia. Allarme Oms sui contagi, test su un vaccino

Lunedì 10 Febbraio 2020
10
Coronavirus, parte il volo per riportare Niccolò in Italia. Xi con la mascherina: «Situazione grave»

Coronavirus, parte il volo militare che andrà a prelevare in Cina lo studente 17enne Niccolò, rimasto a terra due volte a causa di una leggera febbre. Ne dà notizia il ministro degli Esteri Luigi Di Maio: «In queste ore sta per partire un aereo militare italiano per andare a prelevare Niccolò», lo studente diciassettenne di Grado ancora bloccato a Wuhan. Il ministro degli esteri Di Maio ne ha parlato poco fa ai giornalisti mentre si trova in visita a Belgrado, in Serbia.  

Caso sospetto ad Olbia: uomo in ospedale. Si sono aggravate le condizioni di salute di uno dei coniugi di Olbia segnalati come sospetti casi di coronavirus. L'uomo della coppia presenta febbre a 39 e tosse molto forte, così l'Unità di crisi locale ha deciso per il suo trasferimento nel reparto Malattie infettive dell'ospedale San Francesco di Nuoro, dove è disponibile una stanza di isolamento a pressione negativa. Nel frattempo, il personale del 118 sta portando i tamponi per i prelievi a Olbia, nella casa dove la coppia è in isolamento da venerdì sera. I tamponi saranno poi trasferiti a Cagliari per le analisi. L'uomo sarà trasportato con una barella a contenimento biologico e un'ambulanza del 118 fino al San Francesco. La donna invece, che presenta una lieve febbre, sarà tenuta sotto osservazione nella sua casa di Olbia.

Due bimbi dalla Cecchignola all'ospedale Bambino Gesù di Roma. Due piccoli bimbi in quarantena nella città militare della Cecchignola, a Roma, sono stati portati all'ospedale Bambino Gesù di Roma. Il ricovero non riguarda motivi legati al coronavirus, ma altre patologie. Si tratta di una decisione presa in via precauzionale.

Il ministro degli Esteri Di Maio: «Blocco voli fino a rallentamento dei contagi». Il blocco dei voli diretti fra Italia e Cina «resterà fino a quando la comunità scientifica ci dirà che c'è un rallentamento dei contagi» di coronavirus: lo ha detto il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, parlando ai giornalisti a Belgrado. «In ogni caso continueremo a supportare in ogni modo i nostri connazionali in Cina», ha detto Di Maio, aggiungendo poi che «vogliamo essere più vicini al governo e al popolo cinesi, vogliamo dare una mano al Paese amico Cina».

LEGGI ANCHE ​Coronavirus, lo studio: «Resiste su vetro e plastica, fondamentali i disinfettanti»

LEGGI ANCHE Coronavirus, 60 casi sulla nace da crociera Diamond Princess: totale sale a quota 130
 

 
Guarito un cittadino britannico. Ha rivelato la sua identità e ha annunciato attraverso i media di essere guarito il cittadino britannico individuato nei giorni scorsi come fonte di contagio da coronavirus per diversi connazionali. L'uomo si chiama Steven Walsh e resta per ora ricoverato - come la sua famiglia resta in isolamento - «per precauzione». Ma la notizia della guarigione è stata confermata al servizio sanitario (Nhs). Vari contagi di pazienti britannici sono avvenuti in Alta Savoia (Francia), dove Welsh - reduce da Singapore - avrebbe infettato altri turisti. Le persone guarite dal coronavirus finora, nel mondo, sono 4.228.

Trasmissione del virus confermata da persone che non hanno viaggiato di recente in Cina. 
Il presidente Xi Jinping, con indosso la mascherina protettiva azzurra, s'è sottoposto per la prima volta in pubblico alla misurazione della febbre, testimonial d'eccezione della nuova normalità di Pechino e di un'intera nazione schierata contro il «demone» da battere del coronavirus, in una situazione che «resta molto grave».

Tra i casi di infezione saliti a livello globale a ridosso di quota 40.700 (40.262 in Cina) e di decessi a 910, l'Oms oggi ha lanciato un preoccupante allarme sulle modalità di contagio all'estero a causa di casi di trasmissioni da persone che «non hanno fatto viaggi in Cina»: potrebbe essere «la punta dell'iceberg», ha avvertito il direttore generale Tedros Adhanom Ghebreyesus, nel giorno della partenza per Pechino della missione di esperti internazionali sotto l'egida dell'agenzia di Ginevra e guidata dal canadese Bruce Aylward, veterano delle emergenze sanitarie, con lo scopo di aiutare a coordinare la risposta all'epidemia. «Il contenimento resta il nostro obiettivo, ma tutti i Paesi devono prepararsi al possibile arrivo del virus», ha aggiunto ancora il numero uno dell'Oms.

Fuori dalla Cina ci sono state più di 350 infezioni suddivise in quasi 30 tra Paesi e regioni, con la sola Diamond Princess, la nave da crociera con 35 italiani ancorata nella baia di Yokohama, a contare 135 contagiati. Due le vittime, una a Hong Kong e una nelle Filippine, mentre il Regno Unito ha registrato altri 4 contagi e ha definito «seria e imminente» la minaccia per la salute pubblica.

Vaccino sperimentato sui topi. Intanto l'agenzia ufficiale Xinhua ha riferito che il Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie ha iniziato la sperimentazione sui topi di un primo possibile vaccino. «Alcuni campioni sono stati iniettati ieri a oltre 100 topi», ha scritto la Xinhua, ricordando tuttavia che «i test sugli animali avvengono in una fase molto precoce dello sviluppo di un vaccino e che ancora molti passi dovranno essere fatti prima che sia pronto per la somministrazione agli esseri umani».

L'ispezione di Xi al Ditan Hospital di Pechino, struttura sanitaria dedicata alla cura della polmonite dal virus 2019-nCoV, è avvenuta nel giorno del ritorno al lavoro e alle scuole in gran parte del Paese dopo la lunga festività del Capodanno lunare, tra numerose cautele. La priorità è stata assegnata alle fabbriche funzionali alla lotta all'epidemia, come quelle di produzione del materiale di prevenzione e controllo. Molti uffici hanno fatto invece ricorso al telelavoro e nelle scuole le lezioni sono state affidate alle modalità online per un'altra settimana.

Virale è diventato il suggerimento a bambini e bambine per l'igiene delle mani: lavarle cantando due volte «buon compleanno a te», per un equivalente di 20 secondi. Le strade di Pechino e Shanghai si sono rianimate, mentre a Guangzhou è ripartito il trasporto pubblico. Ancora ferme le industrie nel Guangdong, dove la riapertura è al primo marzo, nello Zheijian al 17 febbraio e nell'Henan al 24 febbraio.

Nella sua ispezione, Xi, accompagnato da Cai Qi, capo del Partito comunista di Pechino, ha affermato che la Cina può «certamente centrare una vittoria totale nella lotta al nuovo coronavirus». La sua è la prima uscita pubblica da quella nello Yunnan del 19-22 gennaio, dall'apparizione pubblica del 5 febbraio per ricevere a Pechino il premier cambogiano Hun Sen e dalla morte di Li Wenliang, il medico eroe di 34 anni che per primo lanciò inascoltato l'allarme sul coronavirus, la cui vicenda ha creato cordoglio e rabbia, anche contro il Pcc. Xi ha sollecitato «misure più decisive» per domare l'epidemia, ha riferito la tv statale Cctv, ha indossato il camice e la mascherina bianchi durante l'incontro con i medici e ha assicurato che «l'intero Partito, le forze armate e la gente di tutti i gruppi etnici stanno insieme al popolo dell'Hubei e di Wuhan». Mentre dall'altra parte dell'Oceano si è fatto sentire anche Donald Trump, dicendosi certo che l'emergenza coronavirus finirà in aprile «con il caldo».
 

Coronavirus, il 17enne a Wuhan: «Lasciato qui due volte, non ce la faccio più»

Virus, controlli sui voli nazionali: misurare la febbre a tutti i passeggeri. Aerei per la Cina, verso l’ok

Ultimo aggiornamento: 11 Febbraio, 11:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani