Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Battaglione Azov, fondata nuova unità a Kharkiv. «Libereremo l'Ucraina dagli occupanti»

Il comandante della nuova unità sarà Anatoliy Sydorenko, destinato a diventare il nuovo incubo dei russi e a prendere il testimone di Denis Prokopenko

Battaglione Azov, fondata nuova unità a Kharkiv. «Libereremo l'Ucraina dagli occupanti»
3 Minuti di Lettura
Martedì 31 Maggio 2022, 15:48 - Ultimo aggiornamento: 1 Giugno, 08:07

Il battaglione Azov rinasce a Kharkiv. L'eroica resistenza nelle acciaierie di Mariupol non è stato l'ultimo atto dei combattenti nazionalisti ucraini. Una nuova unità è stata costituita nella seconda città più grande dell'Ucraina. Lo ha annunciato su Telegram il comandante dell'unità "Kraken" Konstantin Nemichev, riportato da Unian. «Oggi, l'unità Azov SSO Kharkiv è stata ufficialmente costituita nella città. Questa è un'altra delle nostre unità di combattimento che opererà nella regione di Kharkiv e libererà la nostra terra dagli occupanti», ha scritto Nemichev.

Azovstal, da Prokopenko a "Kalina": chi sono i capi della resistenza ancora all'interno nell'acciaieria

Gli Azov evacuati, l’Acciaieria in mano ai russi. «Ci hanno ordinato di non combattere: obbediamo»

Il battaglione di Kharkiv

Il comandante della nuova unità sarà Anatoliy Sydorenko, destinato a diventare il nuovo incubo dei russi e a prendere il testimone di Denis Prokopenko, diventato uno dei volti celebri della resistenza. La notizia arriva poche ore il viaggio del presidente Zelensky a Kharkiv. «Tutti lavorano per la vittoria e lo fanno in modo efficace, sfortunatamente, questo non può essere detto per il locale capo del servizio di sicurezza dell'Ucraina. Sono arrivato e ho chiarito la situazione, rimuovendo il capo del servizio di sicurezza della Regione. Non ha lavorato per difendere la città dal primo giorno della guerra. Ma ha pensato solo a se stesso», aveva detto il presidente ucraino.

 

Il processo ai combattenti

I combattenti del battaglione Azov che si sono arresti dopo aver combattuto a Mariupol saranno processati e rischiano la pena di morte. Lo ha affermato un responsabile del territorio separatista filo russo di Donetsk. «Tutti i prigionieri di guerra su trovano sul territorio della Repubblica di Donetsk», ha detto alla tv russa Yuri Sirovatko, ministro della Giustizia dell'autoproclamata repubblica nel Donbass.

«In concreto, abbiamo 2.300 prigionieri di guerra di Azovstal», l'acciaieria di Mariupol dove si era asserragliata la resistenza ucraina, ha precisato, aggiungendo che il battaglione «Azov è considerato come un'organizzazione terroristica» e che tutti «saranno oggetto di inchieste penali» in vista di un processo. «Tali crimini sono passibili da noi di pena di morte», ha concluso il ministro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA