Putin, così i volontari russi sfidano lo Zar: la "rete" che aiuta i profughi ucraini a scappare verso l'Estonia

Le condizioni sanitarie e il cibo sono pessime, ecco le storie dall'Ucraina

Putin, così i volontari russi sfidano lo Zar: aiutiamo gli ucraini a scappare in Estonia
di Valeria Di Corrado
5 Minuti di Lettura
Sabato 28 Maggio 2022, 12:16 - Ultimo aggiornamento: 29 Maggio, 09:07

Oltre alle barbarie che inevitabilmente porta con sé la guerra, ci sono anche storie di umana pietà e solidarietà che travalicano le rivalità tra i popoli che si combattono. Milioni di ucraini sono fuggiti a ovest direttamente in Europa, ma ci sono anche centinaia di migliaia di persone che dall'Ucraina settentrionale e orientale sono fuggite passando per la Russia. Come raccontato in un articolo di "The Telegraph", per Vlad, 21 anni, l'abbraccio e il suo arrivo al rifugio per profughi di Narva hanno segnato la fine della sua fuga. «Sono sollevato - ha detto - Ora le cose diventeranno più facili». Vlad non ce l'avrebbe fatta senza l'aiuto dei volontari e in particolare di Oxana, una spumeggiante russa di mezza età che possiede una carta di residenza finlandese che le permette di entrare in Estonia: un atto di sfida contro Vladimir Putin e la sua guerra. «È anche una medicina per noi», ha spiegato Oxana, parlando del suo ruolo in una rete di migliaia di volontari in tutta la Russia. «I rifugiati aiutano anche noi, a sentirci utili».

Russia, cresce il dissenso contro Putin. Deputato chiede il ritiro dall'Ucraina, ora rischia il processo per tradimento

La storia di Vlad

Vlad e Oxana si erano incontrati solo poche ore prima a San Pietroburgo. I volontari gli hanno pagato il viaggio per 420 miglia in treno, da Belgorod a Mosca e poi a San Pietroburgo. Gli era stato poi detto di recarsi in un punto vicino all'appartamento di Oxana dove lei lo avrebbe prelevato per le tre ore di viaggio fino al confine con l'Estonia. «Stava andando così bene. Poi le guardie di frontiera russe hanno visto il mio tatuaggio - ha raccontato Vlad - L'FSB mi ha interrogato per quattro ore». Ha mostrato il tatuaggio che gli copriva il braccio sinistro e la mano. Putin ha detto che ha invaso l'Ucraina per epurarla dai nazisti e il tatuaggio di Vlad includeva teschi e forconi di fulmini, il tipo di immagini a cui i soldati russi devono prestare attenzione. «È fortunato a non avere insegne militari o emblemi Azov», si è sentito dire Vlad e alla fine l'hanno lasciato andare. Altri uomini ucraini sono stati trattenuti per giorni al confine o addirittura rispediti indietro.

Per Vlad, attraversare l'Estonia significava recarsi a Malmo per ricongiungersi con la sua ragazza e iniziare una nuova vita. Erano stati separati in un campo di filtrazione tenuto dai ribelli di Donetsk più di un mese fa. Lì le famiglie vengono divise: gli uomini vengono interrogati per ore, costretti a dare le impronte digitali e poi giurare fedeltà alla Russia. Le condizioni sanitarie e il cibo sono pessime. Poi i rifugiati ucraini vengono inviati nei cosiddetti punti di alloggio temporaneo in Russia: palestre riconvertite. Molti finiscono a Taganrog, vicino a Rostov. I volontari distribuiscono loro carte SIM e contanti. Qui devono fare una scelta: possono andarsene via dalla Russia o ottenere lo status di rifugiato ufficiale dal governo, che include un alloggio e un sostegno finanziario. Il problema, tuttavia, è che spesso può significare accettare di vivere nel remoto estremo oriente della Russia o ad Astrakhan, sulla costa del Mar Caspio.

Ceceni rapiti in massa dalle proprie case e costretti a combattere: la nuova «carne da cannone» di Kadyrov


E così, molti dei profughi decidono di provare a vivere con i parenti in Russia o di dirigersi a Narva e in Europa, affidandosi ai volontari per pagare i biglietti del treno, comprare cibo e vestiti. Molti di loro hanno riferito di essere stati ben accolti dai russi comuni che erano stufi della guerra di Putin, ma altri, incluso Vlad, hanno parlato di un'accoglienza non buona: «È stato brutto e avevo bisogno di una nuova vita. In quel momento ho capito che dovevo andarmene», ha detto a "The Telegraph".

 



Il fiume Narva ha formato per secoli un confine tra Europa e Russia. I rifugiati impiegano circa 15 minuti per attraversare il ponte sul fiume, trascinando i loro bagagli. Alcuni sono in lacrime, altri rassegnati, tutti sono esausti. La maggior parte di loro prosegue il viaggio verso la Germania o la Svezia, alcuni verso la Francia o la Repubblica Ceca. Nessuno dice di voler tornare in Ucraina. «Quando siamo arrivati ​​in Russia siamo stati sollevati, ovviamente - ha raccontato Viktoria - Ma sì, ora sono molto felice di essere qui in Europa e fuori dalla Russia».

© RIPRODUZIONE RISERVATA