Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ballerina di danza classica di 23 anni trovata morta nel lago in Missouri

Ballerina di 23 anni trovata morta in un lago: «Trascendeva tutti ogni volta che ballava»
di Simone Pierini
2 Minuti di Lettura
Giovedì 15 Novembre 2018, 19:38 - Ultimo aggiornamento: 19:48
Raffaella Maria Stroik è stata trovata morta a 23 anni in un lago. Era scomparsa da due giorni, quando fu trovata la sua auto sulle rive del Mark Twain Lake, nel Missouri. Il corpo senza vita della giovane è stato rinvenuto nelle acque la polizia sta indagando per capire cosa sia successo. Al momento non c'è alcuna traccia di violenza e la storia è avvolta nel mistero



«Trascendeva tutti ogni volta che ballava», dicono di lei chi la conosceva e la vedeva esibirsi nella sua passione più grande. Dal 2017 si esibiva con il St. Louis Ballet e con la sua compagnia di ballo aveva recitato in "Cenerentola", "Lo schiaccianoci" e "La Vie". Era anche un ex membro dell'American Contemporary Ballet.



«Che Raffaella riposi in pace. Era un'anima bellissima, mancherà a tutti profondamente», ha detto il St. Louis Ballet sul suo sito web. Era la figlia di Duncan Stroik, un professore di architettura presso l'Università di Notre Dame che possiede anche uno studio di architettura a South Bend. L'ex direttore artistico di Southold, Erica Fischbach, ha ricordato la giovane ballerina come una persona che aveva «una qualità artistica molto speciale, semplicemente non accessibile».

«È quasi come se lei trascendesse tutti ogni volta che ballava», ha detto Fischbach, ora direttore della Colorado Ballet Academy. «Ha dato qualcosa di speciale a tutti quelli che la guardavano e la amavano». 
© RIPRODUZIONE RISERVATA