La spiaggia per cani più grande d'Abruzzo, Giusy: «Mi hanno fatto la guerra ma ho vinto io»

Domenica 9 Giugno 2019 di Rosalba Emiliozzi
La veterinaria Giusy Branella con il bellissimo Junior abruzzese nella spiaggia per cani Unica Beach di Giulianova

Una spiaggia per cani Unica, come il suo nome, dove cani e padroni possono fare il bagno insieme al mare. Dove la vacanza, per l'amico a quattro zampe, non è una progionia in albergo ma uno svago continuo tra mobility, piscine,  area attrezzata e zone ombreggiate. «Perché il cane è soggetto più degli uomini ai colpi di calore, non può stare sotto il sole a picco e non può camminare sulla sabbia rovente» spiega la veterinaria Giusy Branella, 50 anni, una vita spesa per gli animali e una battaglia decennale per creare la sua Unica beach, la spiaggia per cani più grande d'Abruzzo, diventata anche l'ambito primo premio di una manifestazione che si tiene ad Alessandria. Quest'anno ad aver vinto un weekend a Giulianova sono i proprietari di un super campione mondiale di bellezza, razza Thai Ridgeback dog, provinenti dall'Emilia Romagna. C'è grande attesa in spiaggia, tra maremmani e meticci, per l'arrivo del cane di rara bellezza.
 

 

La spiaggia per cani si deve all'ostinazione di questa donna che per anni ha portato avanti la sua battaglia. Contro tutto e contro tutti. «In primis, coloro che non vogliono i cani al mare e che mi hanno osteggiato in ogni modo, anche quando il Comune era favorevole, ma io sono andata avanti. Non ho mai mollato» racconta Giusy. Che ammette: «Me lo dicono spesso: ti hanno fatto la guerra perché sei una donna, io in cuor mio spero non sia così. Ma forse un uomo non sarebbe stato così tenace».

Il sogno di un posto al mare dove stare con il proprio cane nasce nel  2011, «con una raccolta firme per protestare contro le ordinanze di divieto ai cani - racconta Giusy  - Allora pensai a una iniziativa per dimostrare che portare il cane al mare non era pericoloso e convincere così a limitare le restrizioni ai cani in spiaggia e nei parchi». La proposta, con tanto di area attrezzata e massima tutela degli animali, trova le porte aperte in Comune, ma scatena le ire dei «contrari ai cani», addittura durante l'inaugurazione nel luglio 2012. «Da quel giorno ho dovuto subire offese e umiliazioni, ma non mi sono fermata. Una guerra che ho combattuto in prima linea, obbligando un intero Consiglio comunale, il 9 agosto 2013, ad ascoltare le istanze di chi vuol stare con il proprio cane. Mi sono confrontata con politici, fatto convocare commissioni in Regione, fino ad incontrare il governatore d'Abruzzo». Alla fine la testardaggine e il popolo delle famiglie con animali hanno vinto.

Oggi le prenotazione fioccano. Vengono italiani e stranieri «soprattutto da Svizzera e Germania ma anche dalla Francia». La spiaggia piace soprattutto ai cani d'acqua, Border collie, Golden retriever e Labrador ma alla fine un po' tutte le razze fanno capolino perché ci sono due piscine dove i cani possono abituarsi al mare. «Una settimana fa una famiglia di Roma mi ha chiamata per dirmi che il loro cane non aveva mai fatto il bagno al mare e che volevano provare con la piscina», spiega Giusy. Il cane con l'educatore cinofilo imparerà così ad affrontare l'acqua.

«Spesso ci viene a trovare in spiaggia il falconiere Giovanni Granati che tiene una rubrica su falchi e rapaci su Canale 5», dice ancora Giusy che ama in modo viscerale i pastori abruzzesi: spesso in spiaggia arriva Junior, un cane di amici, che ha addirittura un profilo Facebook molto seguito. Insomma da questi parti è tutto un altro mondo.

Ultimo aggiornamento: 11:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA