Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ancona, rovinata dalla Borsa online: studentessa diventa truffatrice a 23 anni

Ancona, rovinata dalla Borsa online: studentessa diventa truffatrice a 23 anni
1 Minuto di Lettura
Sabato 12 Marzo 2016, 11:28

Rovinata dalla Borsa online, studentessa diventa truffatrice a 23 anni. La ragazza avrebbe rubato l'identità di correntisti bancari suoi conoscenti per prelevare somme con cui ripianare le perdite. Una truffa da circa 10mila euro. La giovane, che abita a Serra de Conti (Ancona), è stata denunciata dai carabinieri per truffa, falso e sostituzione di persona.

Secondo l'accusa la studentessa si presentava in vari sportelli della stessa banca. Esibendo fotocopie di documenti d'identità intestati a conoscenti, fotocopiati sovrapponendo la sua fotografia a quella degli intestatari e falsificando inoltre la firma sulle distinte di prelevamento, era riuscita ad ingannare gli impiegati, facendosi così consegnare somme di denaro in contanti. Lei ha confessato. Si è giustificata dicendo che nel mese di febbraio aveva effettuato alcune contrattazioni in borsa attraverso un noto sito internet. Tali investimenti, confluiti sulla piattaforma internet attraverso una PostePay a lei intestata, avevano tuttavia prodotto soltanto delle perdite. La giovane ha ammesso che per inesperienza si era fatta prendere la mano. Per coprire un buco di circa 7.500 euro che aveva creato sul conto corrente dei suoi genitori, collegato alla sua PostePay, aveva deciso di sottrarre il denaro a suoi conoscenti
falsificando i loro documenti ed effettuando i
prelevamenti dai loro conti correnti, poi aveva versato
il denaro ricavato sul conto corrente dei genitori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA