Sabaudia rema verso il futuro: assegnato il Mondiale di Coastal Rowing e Beach Sprint con vista su Parigi 2024

Martedì 30 Giugno 2020 di Giuseppe Baratta

Sabaudia rema con forza verso il futuro. A cavallo tra settembre e ottobre del 2023 sul lago di Paola si svolgerà il Mondiale di Coastal Rowing e Beach Sprint che sarà anche prova di qualificazione olimpica in vista dei Giochi di Parigi. L'organizzazione del prestigioso evento all'ombra del Circeo arriva dopo l'assegnazione da parte della Federazione internazionale della terza prova di Coppa del Mondo di canottaggio del prossimo anno, gli Europei Junior del 2022 e quelli Senior del 2024. 

«Ci sarà tanto da lavorare, ma noi siamo abituati e pronti a farlo nella maniera migliore e siamo felici perché i nostri sforzi sono stati ben ripagati - ha chiarito il sindaco di Sabaudia Giada Gervasi - La sinergia con la Federazione Italiana Canottaggio si sta dimostrando vincente e ringrazio il presidente Giuseppe Abbagnale, ma anche Luigi Manzo, il diettore generale del nostro Comitato e coordinatore nazionale per conto della Fic di questa affascinante disciplina, che è stato l'artefice di questo ennesimo grande evento per Sabaudia. Il coastal rowing, o canottaggio costiero, è la versione estrema del canottaggio che si svolge in mare o sui grandi laghi caratterizzati da vento e moto ondoso: si tratta di una disciplina relativamente recente ma in rapida crescita in tutto il mondo tanto da meritare l'esordio che avverrà ai Giochi olimpici di Parigi del 2024.

Vedi anche > Sabaudia, lo Sport si accende 2019, cerimonia di premiazione al Palazzetto dello sport

«L'Italia sta lavorando bene e questa è la risposta, una serie di grandi manifestazioni che sono il giusto premio a quello che questa Federazione sta facendo per la propaganda di uno sport meraviglioso: sabaudia chiude un cerchio importante nel prossimo quadriennio ospitando questo Mondiale Coastal Rowing Beach Sprint» ha aggiunto il numero uno federale. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani