Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ricorso su elezioni di Latina, il Consiglio di Stato annuncia sentenza breve nel merito

Ricorso su elezioni di Latina, il Consiglio di Stato annuncia sentenza breve nel merito
di Vittorio Buongiorno
2 Minuti di Lettura
Martedì 26 Luglio 2022, 13:06 - Ultimo aggiornamento: 13:46

Si è conclusa a Roma al Consiglio di Stato l'udienza in camera di consiglio per decidere sul ricorso presentato da Damiano Coletta contro la sentenza del Tar che lo ha dichiarato decaduto e che ha disposto che a Latina si torni al voto in 22 sezioni su 116 per il primo turno della tornata elettorale. I giudici amministrativi al termine della camera di consilgio si sono riervati.

L'udienza era fissata per prendere una decisione sull'istanza cautelare avanzata da Coletta, ovvero sulla richiesta di sospendere la sentenza e quindi anche il commissariamento del Comune disposto dalla prefettura. Da quanto trapela dall'udienza i giudici hanno annunciato di voler arrivare a una sentenza breve nel merito e non solo sull'istanza cautelare, sulla scorta della norma che consente ai magistrati nella controversia sottoposta al proprio esame di chiudere nel merito la lite in occasione della camera di consiglio fissata per la discussione della fase cautelare.

Cosa vuol dire
La prima evidenza è che con questa sentenza si arriverà subito a una decisione definitiva sul ricorso elettorale perché i giudici ritengono di poter decidere allo stato degli atti senza ulteriore indugio, ma al momento non si può dire quale potrà essere la decisione finale visto che una sentenza in forma semplificata può essere adottata sia per manifesta fondatezza del ricorso o per manifesta infondatezza, inammissibilità e irricevibilità del ricorso. I giudici però si so o riservati e dunque difficilmente la decisione potrà arrivare oggi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA