Orizzonte furto a metà: i ladri lasciano buona parte del bottino

Orizzonte furto a metà: i ladri lasciano buona parte del bottino
di Sandro Paglia
2 Minuti di Lettura
Domenica 14 Novembre 2021, 05:03 - Ultimo aggiornamento: 17:21

Il bottino poteva essere decisamente superiore per i ladri che l'altra notte sono riusciti ad entrare nel centro acquisti di Priverno del supermercato Orizzonte, che si trova lungo la Marittima Seconda. Prima hanno superato i tetti di due capannoni attigui, quindi hanno violato la cassaforte situata all'interno dell'ufficio del direttore, sono riusciti a manometterla così da poter prelevare il malloppo custodito al suo interno.
Ma non hanno fatto i conti con l'arrivo di lì a poco delle gazzelle dei carabinieri di Priverno e del Nucleo radiomobile di Terracina. E così i ladri nella fretta sono riusciti a prelevare solo 6.500 euro sui 30 mila che si trovavano all'interno della cassaforte, perdendo circa 1.500 euro sulla via della fuga verso il bosco di San Martino. Soldi naturalmente che sono stati recuperati poi dai militari e consegnati nelle mani del direttore stesso.
Ora la banda viene attivamente ricercata sulla base della visione delle videocamere installate lungo il perimetro dei capannoni e nel piazzale, ovvero tra il vasto immobile di Orizzonte e quello adiacente della ditta Tommasi 1957 srl, al fine di assicurarla alla giustizia quanto prima. Sulla dinamica del furto si è scoperto altro, vale a dire che la banda, formata da più persone, non sarebbe entrata all'interno direttamente dalla stessa struttura, ma addirittura penetrando nei locali della ditta Tommasi, dove riuscendo ad aprire un lucernario, sarebbero scesi giù prelevando una lunga scala di metallo occorsa poi per scendere nel Centro Orizzonte passando dapprima sul tetto e poi, una volta fatto il buco al soffitto, si sono calati all'interno del centro commerciale fino ad arrivare all'ufficio della direzione dove c'era la cassaforte da sventrare quel poco per far passare una mano e fare la razzia. Ora i carabinieri stanno lavorando per dare un volto ai ladri e per individuare un eventuale basista.

© RIPRODUZIONE RISERVATA