L'istituto Rosselli di Aprilia si piazza al secondo posto nell'ISF di Barcellona

Martedì 30 Maggio 2017 di Dario Battisti
Il gruppo dell' istituto Carlo e Nello Rosselli di Aprilia con i docenti Angela De Vito e Valerio Montuschi
L'istituto Carlo e Nello Rosselli di Aprilia si classifica al secondo posto nella fiera Workshop IFS a Board di Barcellona. L'Impresa Formativa Simulata permette agli alunni di apprendere i processi di lavoro reale attraverso la simulazione e la gestione di aziende e imprese virtuali che operano e svolgono la propria attività in rete. Partecipano all'IFS le classi del triennio del corso di Informatico e durante il viaggio su una nave Grimaldi Lines per raggiungere la città spagnola di Barcellona le classi del Rosselli, con i docenti accompagnatori Angela De Vito e Valerio Montuschi, si sono messe a confronto con le ideee e le attività di altri 25 istituti provenienti da tutto il territorio italiano. Durante la traversata la 3° C con l'azienda Agon Sport vendeva servizi sportivi; la 3° B con l'Ez Computer si è occupata di vendita, consulenza e assistenza computer; la 4° C con la Neo Hi-Tech vendeva personal computer e realizzazione siti web per aziende; la 4° B con la PinApple ha scelto il campo della realizzazione e della vendita di giochi virtuali mentre la 4° D si è indirizzata sui prodotti per la cura dei capelli e del corpo.

I ragazzi dell'istiuto, diretto da Viviana Bombonati, si sono classificati al secondo posto per numero di attività proposte e per transazioni effettuate. Primo è giunto l'istituto Alessandrini di Montesilvano (Pescara) mentre sul gradino più basso del podio è salito lo Schiapparelli Gramsci di Pioltello (Milano). Il premio per l'attività più originale è stato appannaggio all'istituto Fermi di Mantova. La coppa per l'allestimento del miglior stand IFS è stata assegnata al Ricci di Macerata mentre il massimo premio per il maggior numero di studenti partecipanti alla fiera è stato vinto dall'istituto Di Vittorio di Roma. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani