Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Vince 57.000 euro al Lotto ma incassa lo stesso il Reddito di Cittadinanza: assolta

La legge prevede che la mancata comunicazione delle variazioni del patrimonio comporta la revoca o la riduzione del sussidio

Vince 57.000 euro al Lotto ma incassa lo stesso il Reddito di Cittadinanza: assolta
3 Minuti di Lettura
Martedì 19 Luglio 2022, 16:03 - Ultimo aggiornamento: 20 Luglio, 10:56

Due vincite al Lotto, a distanza di poco tempo l'una dall'altra, per un incasso totale di 57 mila euro. Protagonista dei fortunati incassi risalenti al 2019 e al 2020, una 54enne di Verbania, Piemonte, richiedente il Reddito di cittadinanza. Ma la legge parla chiaro: l'omessa variazione del patrimonio, anche se derivata da vincite di gioco, è idonea alla revoca o alla riduzione del sussidio. Processata in tribunale a Verbania la donna è stata però assolta.

Bonus 200 euro, a chi arriverà e come fare richiesta: la platea è di 31 milioni di italiani

 

Reddito di Cittadinanza e lotto, cosa dice la legge 

I 57mila euro erano stati regolarmente incassati tramite il sistema dell'agenzia delle Dogane e dei monopoli (che tracciano le vincite superiori a 10 mila euro). Ma secondo quanto emerso dalla sentenza del 24 settembre 2021 - 15 febbraio 2022, numero 5309 della Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione, l'omessa comunicazione delle variazioni di reddito o del patrimonio può confliggere con la percezione del reddito di cittadinanza. 

Nonostante la fortunata vincita la donna di Verbania ha presentato per due volte la documentazione attestante la propria situazione economica per ottenere il sussidio, di cui però non aveva più diritto.

Dopo le indagini della Guardia di Finanza la donna è stata processata in tribunale a Verbania e poi assolta per insufficienza di prove, perché non è emersa la chiara consapevolezza di aver presentato documentazioni non veritiere.

Altro elemento non accertato secondo il tribunale è chi fosse stato l'autore delle spese del sussidio, dal momento che la carta su cui veniva accreditato il reddito di cittadinanza era anche nelle mani del compagno della donna.

Ferentino, reddito cittadinanza: denunciati 40 immigrati per truffa. In due prendevano il doppio sussidio

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA