Truffa diamanti, i pm: profitti per 500 milioni, 300 vittime

Mercoledì 2 Ottobre 2019
1
Truffa diamanti, i pm: profitti per 500 milioni, 300 vittime

Una presunta maxi truffa con profitti illeciti per quasi 500 milioni di euro e oltre 300 persone raggirate, tra cui, come già emerso, anche clienti vip come Vasco Rossi. Sono questi i dati principali che emergono dalle 42 pagine dell'avviso conclusione indagini firmato dal pm di Milano Grazia Colacicco nell'inchiesta condotta dal Nucleo di polizia economico finanziaria della Gdf. Inchiesta che a febbraio aveva portato ad un sequestro preventivo da oltre 700 milioni di euro, anche carico di cinque banche indagate.

LEGGI ANCHE --> Pietre spacciate per diamanti, i carabinieri sventano la truffa

Come risulta anche dall'atto di chiusura delle indagini, che prelude alla richiesta di processo per 87 persone fisiche e 7 giuridiche, fu il Banco Popolare, poi diventato Banco Bpm dopo la fusione, a proporre a Vasco Rossi l'acquisto di diamanti a prezzi gonfiati e la rockstar avrebbe versato con tre bonifici il 20 luglio 2009, il 22 febbraio 2010 e il 14 ottobre 2011, rispettivamente 1,043 milioni di euro, 520 mila euro e poco più di un milione. Tra i presunti truffatori Maurizio Faroni, ex ad di Banca Aletti e poi ex dg di Banco Bpm (si è dimesso dopo che è emersa l'inchiesta), e altri dirigenti e funzionari di istituti di credito che avrebbero raggirato «decine di migliaia di risparmiatori (oltre 300 le vittime delle truffe accertate e indicate nell'atto, ndr)», con «contratti di acquisto dei diamanti, per un prezzo notevolmente superiore al reale valore della pietra (mediamente tra il 30 e il 50%, ma a volte anche l'80%)».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma