Treviso, Marina morta con il suo bimbo al nono mese di gravidanza. La sorella: «Aspetto che si risvegli»

Marina Lorenzon circondata dai bambini durante un viaggio
di Elena Filini
4 Minuti di Lettura

TREVISO -  Una fitta fortissima all'addome e un grido. La chiamata al Suem, il tentativo di rianimazione, la corsa in ospedale. E un cesareo d'emergenza nel disperato tentativo di far vivere almeno il piccolo Kaylen. Ma nulla da fare. Così, a pochi giorni dal primo Natale da mamma, si è fermata la vita di Marina Lorenzon e del figlio che avrebbe dovuto dare alla luce tra 10 giorni. Una tragedia che lascia senza parole un'intera comunità, e si è consumata nel giro di un paio d'ore in maniera del tutto improvvisa. 38 anni, dottoressa in scienze zootecniche, Marina era rientrata da Londra nella casa di famiglia a San Biagio di Callalta, nell'hinterland trevigiano insieme al compagno, il musicista cubano Gerardo De Armas per il parto. 

Andrea e Paolo uniti dal ciclismo e insieme nella morte: un tragico destino per entrambi


L'INTERVENTO DEL SUEM

Ma martedì pomeriggio, durante un corso prenatale ha avvertito una fitta fortissima all'addome. Il Suem è intervenuto immediatamente ma le sue condizioni sono parse subito disperate: forse la rottura di un aneurisma addominale ha provocato una grave emorragia. I medici, una volta arrivati all'ospedale Ca' Foncello, hanno cercato tramite un cesareo d'urgenza di salvare il bambino alla 37^ settimana di gravidanza. Ma anche il cuore del neonato era fermo. I genitori di Giuliano e Mariateresa e la sorella maggiore Elena, 41 anni, madre di due bambini, non sanno darsi pace. «Non riesco a crederci: mi aspetto che si risvegli da un momento all'altro» ripete la sorella maggiore, che aveva convinto Marina e Gerardo a tornare in Italia per il parto, anche in ragione della pandemia. Curiosa, cittadina del mondo, Marina era uno spirito libero. Dottoressa in scienze zoologiche, una breve parentesi come candidato sindaco per il Movimento 5 stelle a San Biagio di Callalta, due anni fa aveva scelto di lasciare l'Italia e andare a vivere e lavorare a Londra. Qui, lo scorso anno aveva incontrato Gerardo De Armas, percussionista cubano che lavora nel mondo della musica afro americana. E, insieme, avevano deciso di diventare genitori. 


LA GIOIA

«Era al settimo cielo- racconta ancora la sorella Elena- era una zia tenerissima, amata dalle mie due bambine, e sarebbe stata una mamma stupenda». La famiglia l'aveva sempre appoggiata. «Amava i viaggi e la conoscenza di altre culture, eravamo state a casa sua a Londra, ma per le ultime settimane di gravidanza le avevamo chiesto di rientrare e stare in famiglia. Noi l'avremmo supportata». Durante la gravidanza Marina non aveva avuto alcun problema di salute. «Stava benissimo, per questo siamo sconvolti. Mia madre l'ha vista uscire di casa alle 15 del pomeriggio. E non è mai più rientrata». La famiglia è conosciuta e amata in Paese. Il padre, ex operaio metalmeccanico è una colonna del coro parrocchiale e anima del volontariato. Era stato proprio lui a volere che il bimbo nascesse qui, in un momento così delicato come quello della pandemia. E così Marina e Gerardo erano arrivati in Italia un mese fa e si erano istallati nella casa dei genitori. Dopo il parto avrebbero voluto tornare a fare base a Londra. Gerardo è molto conosciuto nell' ambiente internazionale della rumba afrocubana. Marina lo avrebbe seguito con il piccolo nelle tournée. Oggi desideri, speranze e senso di vuoto si mescolano come in un improvviso blackout. Tocca alla sorella Elena cercare di dare forza ai famigliari e rispettare i desideri di Marina. «So che per mia sorella questo figlio era la gioia più grande e mi sento di fare un appello: avrebbe voluto riposare insieme a lui, abbracciati, nella stessa bara. Chiedo che venga rispettato il suo desiderio».

Giovedì 17 Dicembre 2020, 12:09 - Ultimo aggiornamento: 12:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA