Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Trapani, nonno orco abusa della nipotina di 6 anni e le mostra materiale pornografico: arrestato

Trapani, nonno orco abusa della nipotina di 6 anni e le mostra materiale pornografico: arrestato
3 Minuti di Lettura
Venerdì 18 Febbraio 2022, 10:58

Nella provincia di Trapani un uomo di 68 anni è stato arrestato con l'accusa di aver compiuto atti sessuali con la nipote di 6 anni, mostrandole anche materiale pornografico. A raccontare del nonno orco è stata la stessa piccola vittima: il 24 agosto dello scorso anno ai genitori che erano andati a riprenderla dopo averla affidata all'uomo confida che quella stessa mattina il nonno le aveva fatto vedere dal suo telefonino foto di uomini e donne nudi che facevano l'amore e le aveva mostrato nel bagno di casa le proprie parti intime. La bambina racconta ai genitori anche altri particolari avvenuti l'anno prima, quando il nonno l'avrebbe molestata.

Violenza sessuale sulla nipotina di 11 anni: nonno-orco condannato a quattro anni

Abusi sessuali sul nipote di 10 anni, nonno orco arrestato nel Napoletano

Bimba molestata dal nonno

A quel punto i genitori si rivolgono subito a una psicologa per farle valutare la storia e poi, credendo alla versione della piccola, nell'autunno del 2021 decidono di raccontare tutto ai magistrati della Procura di Sciacca. La bimba davanti agli psicologi nominati dall'autorità giudiziaria ricostruisce con lucidità i comportamenti del nonno, descrive fatti e particolari in maniera puntuale. Partono immediatamente le indagini e i risultati degli accertamenti consentono di appurare che nei due smartphone dell'uomo ci sono link che riconducono a siti pornografici.

«La cronologia delle ricerche via web di uno dei due cellulari - spiegano gli investigatori dell'Arma - conferma la versione della piccola: il 24 agosto 2021 su quel telefono sono scorse le immagini di video pornografici, il cui contenuto corrisponde al racconto della vittima». Per l'uomo adesso si sono spalancate le porte del carcere. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA