Ritorno a scuola, palestre per le lezioni? La petizione dei docenti contro questa ipotesi

Giovedì 16 Luglio 2020
Ritorno a scuola, palestre per le lezioni? La petizione dei docenti contro questa ipotesi

Tra incognite e spauracchi di seconde ondate di Coronavirus, il ritorno a scuola a settembre per gli studenti italiani non si preannuncia facile. Gli spazi delle classi potrebbero risultare troppo stretti e alcuni presidi hanno già preso in considerazione l'idea di fare lezione nelle palestre, mettendo sul piede di guerra i docenti. Questi ultimi attraverso una petizione su Change.org che ha raccolto già oltre 5mila firme, chiedono che il Governo dia a tutti i presidi delle scuole italiane «indicazioni precise che escludano categoricamente l’uso delle palestre, presenti nelle sedi scolastiche, per destinazioni diverse dall’motoria».

LEGGI ANCHE Scuola, pressing degli esperti per l’ingresso in classe: «Bisogna anticipare orario»

Le associazioni di docenti e studenti inoltre denciano la «superficialità con cui in questo periodo sempre più Dirigenti Scolastici pensano di risolvere il problema di avere ampi spazi a disposizione della didattica in presenza utilizzando le palestre - scrivono i promotori della petizione - «Tali ipotesi nascono proprio a seguito dell’assenza di disposizioni scritte e certe che escludano categoricamente questa ipotesi. Ad oggi, gli interventi del Governo, e dei ministeri competenti, si sono limitati a semplici “raccomandazioni”. Nessuna voce si è levata in modo “categorico e definitivo” per sostenere che le palestre sono il luogo dove si deve svolgere esclusivamente la lezione di Educazione-motorio-sportiva. Che quei locali sono stati progettati e attrezzati specificatamente per tale scopo e che ogni destinazione diversa è un abuso destinato a mettere in evidenza l’incompetenza di chi lo commette.

LEGGI ANCHE Frosinone, scuole a prova di virus: 60 mila euro per ogni istituto comprensivo. Il sindaco: «Potrebbero non bastare»

«Sottrarre le palestre allo scopo per le quali sono state realizzate, significa abolire “d’autorità” l’insegnamento di una materia inserita a pieno titolo nei programmi curriculari della scuola italiana - aggiungono - significa consentire di non rispettare una Legge dello Stato, significa ledere quel “diritto allo studio” sancito e garantito dalla Costituzione italiana».

«E non si venga a sostenere che per un intero anno scolastico i nostri studenti potranno sostituire l’attività pratica di educazione-motorio-sportiva con ore di teoria dello sport, sarebbe anacronistico e squalificante. Si arriverebbe ad aggravare la già devastante condizione psicologica e fisiologica delle nostre giovani generazioni e probabilmente non ci si è resi bene conto di cosa possa significare un anno di sedentarietà», scrive il primo firmatario della petizione, il prof. Ferdinando Bonessio 

© RIPRODUZIONE RISERVATA