Insulti a un volontario immigrato della Croce Rossa: «Sporchi la divisa che indossi»

Martedì 6 Agosto 2019
Razzismo, insulti a un volontario immigrato della Croce Rossa: «sporchi la divisa che indossi»

A Loano, in provincia di Savona, un giovane volontario immigrato della Croce Rossa è stato oggetto di un grave episodio di razzismo. Mentre Umar Nuri, 25 anni d'origine ghanese, stava regalando gadget della Croce Rossa ad una sagra, qualcuno gli ha gridato contro: «Tu sporchi la divisa che indossi».

LEGGI ANCHE Insulti razzisti sul treno, un uomo urla a un ragazzo: «Negro... fammi vedere il biglietto»

Il comitato della Croce Rossa di Loano ha voluto precisare che per diventare volontario Umar Nuri ha dovuto compiere un percorso di oltre sei mesi che ha compreso corsi, esami e tirocinio. «Umar - continua la nota -  è un ragazzo lavoratore, che passa il suo tempo libero aiutando le persone e lo fa sempre con il sorriso. Quella frase non offende solo lui, ma tutti noi: sono attacchi dettati da odio e cattiveria».

Solidarietà è giunta anche dal sindaco Luigi Pignocca: «Frasi insensate e di una gravità assoluta. La storia di Umar Nuri rappresenta un perfetto esempio di integrazione e un modello di comportamento per tutti noi. Lo invito insieme ai suoi colleghi a venirmi a trovare in Comune, sarà un piacere ringraziarli per l'importante servizio che fanno»

Ultimo aggiornamento: 19:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Che cosa fa litigare i negozianti e i padroni dei cani

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma