CORONAVIRUS

Napoli, in fila alle Poste urla: «Mia mamma ha il coronavirus». Scoppia il panico, ma era una scusa

Giovedì 2 Aprile 2020
Alle Poste urla: «Mia mamma ha il coronavirus». Ma era un trucco per saltare la fila

In coda alle Poste, voleva un trucco per passare avanti a tutti e perdere meno tempo: così si è inventata una bugia che le è costata una denuncia. «Mia mamma ha il coronavirus, devo ritirare la sua pensione», le parole di una donna di 57 anni: le sue parole hanno seminato il panico nell'ufficio postale di Corso della Resistenza ad Acerra, nel napoletano.

Covid-19, Pregliasco: «Presto per riaprire il 14. Lombardia e New York travolti da iceberg»
Francia, allarme per i primi pazienti morti con le cure “fai da te” di antimalarici

Non volendo aspettare il suo turno, la 57enne ad alta voce ha sostenuto di dover ritirare la pensione di sua madre allettata «perché malata di coronavirus». La gente nel panico ha iniziato ad uscire dall'ufficio postale, ma la sua affermazione si è poi rivelata falsa: due agenti della polizia municipale presenti nella sede delle Poste l'hanno infatti smascherata.
 

I due vigili da giorni stanno svolgendo il proprio lavoro per garantire le misure di sicurezza e di contenimento del contagio facendo rispettare le distanze tra i numerosi utenti. Dopo i dovuti accertamenti, i caschi bianchi hanno scoperto che nessuno dei familiari della donna è contagiato, né in attesa di tampone, tantomeno la madre. La donna è stata così denunciata per procurato allarme: le sue affermazioni inventate le sono costate caro.

Ultimo aggiornamento: 13:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani