Val di Susa, tensioni al corteo No Tav: lanciate 100 bombe carta, ferito un agente

Val di Susa, tensioni al corteo No Tav
3 Minuti di Lettura
Sabato 18 Luglio 2020, 18:58 - Ultimo aggiornamento: 19:07

Tensione e lancio di bombe carta in Val di Susa nel corso di un corteo No Tav. I manifestanti - circa trecento - sono partiti dall'abitato di Giaglione e hanno tentato di forzare, lungo il sentiero verso la Valle Clarea, un cancello che blocca il passaggio verso la zona dei Mulini, dove da settimane I No Tav mantengono un presidio. Le forze dell'ordine hanno risposto lanciando dei lacrimogeni.

No Tav, agguato nella notte: chiodi in autostrada, forate le gomme ai mezzi della polizia

Un centinaio le bombe carta lanciate dai No Tav nel corso della dimostrazione di oggi nei paraggi del cantiere. È quanto riferiscono fonti tra le forze dell'ordine. La polizia, secondo quanto viene riferito, nel corso della perlustrazione ne ha trovate molte inesplose. Un agente è rimasto ferito in maniera non grave.

 


«Ancora una manifestazione No Tav che degenera, con momenti di grandissima tensione. Bombe carta e sassaiole contro le forze dell'ordine - alle quali va la nostra solidarietà - e contro il cantiere in Val di Susa: un agente ferito e tanta paura. I soliti estremisti che con la scusa dell'ecologismo radical chic ne approfittano per sistematiche azioni di violenza e intolleranza». Lo afferma in una nota Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati.

«Un governo cieco e sordo. Unica risposta a chi si oppone al Tav?I lacrimogeni». Cosìsu Fb la consigliera regionale di M5S Piemonte, Francesca Frediani, a proposito delle tensioni che si sono verificate questo pomeriggio in Valsusa durante la manifestazione promossa dai No Tav.  «Non è cambiato nulla, nonostante la pandemia che ha stravolto le nostre vite e indicato le vere priorità.Che tristezza, che vergogna», aggiunge sui social la consigliera pentastellata. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA