Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Caldo e inquinamento, più decessi a Roma (d'estate) e Milano (d'inverno). Enea: «Nel 2050 morirà così un anziano su 5»

Caldo e inquinamento, più decessi a Roma (d'estate) e Milano (d'inverno). Enea: «Nel 2050 morirà così un anziano su 5»
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 8 Giugno 2022, 16:08 - Ultimo aggiornamento: 9 Giugno, 08:29

Temperature crescenti e aria inquinata: mix micidiale, mortalità in aumento a Roma (8%) e Milano (6%). Colpa del cambiamento climatico e della concentrazione di ozono e PM10. Questo è quanto emerge da uno studio realizzato da 11 ricercatori Enea e pubblicato su Science Direct. Maurizio Gualtieri, ricercatore del Laboratorio Inquinamento Atmosferico, spiega: «Roma ha temperature più miti, un basso livello di umidità e alti livelli di ozono. Milano, che si trova in una delle aree più inquinate d'Europa come la Pianura Padana, è esposta a temperature più fredde, ha un tasso di umidità più alto e venti più moderati, insieme ad alti livelli di PM10». 

 

Lo studio su Roma e Milano

Secondo lo studio, nei prossimi decenni Roma potrebbe raggiungere i 591 decessi l'anno durante i mesi estivi (l'8% in più rispetto ai decenni precedenti) a causa delle alte temperature e di una concentrazione di ozono troposferico (O3) al di sopra del valore limite per il danno alla salute umana (70 μg/m3). A Milano si stima che la mortalità sarà più alta durante l'inverno (1.787 decessi su 1.977 complessivi, pari al 90%) a causa del clima più rigido, delle maggiori concentrazioni di PM10 (oltre la soglia giornaliera di 50 μg/m3 fissata dalla Direttiva Ue sulla qualità dell'aria) per effetto delle maggiori emissioni da combustione e di condizioni atmosferiche stagnanti dovute alla geomorfologia e alla localizzazione di Milano.

La stima per il 2050

A Roma, secondo lo studio, il numero di decessi dovuti alle temperature più alte (principalmente in estate) tra gli over 85 al 2050 è stimato in 312 casi su 1.398 annuali (22%), mentre a Milano è pari a 971 casi imputabili alle temperature più basse (principalmente in inverno) su 1.057 (92%). Politiche più rigorose in materia di qualità dell'aria e contrasto al cambiamento climatico permetterebbero di ridurre il numero di decessi di 8 volte a Roma e di 1,4 volte a Milano rispetto al periodo 2004-2015.

© RIPRODUZIONE RISERVATA