Cade dal monopattino, morto 13enne a Milano: aveva chiesto all'amichetto di fare un giro di prova

Cade dal monopattino, morto 13enne a Milano: aveva chiesto all'amichetto di fare un giro di prova
4 Minuti di Lettura
Lunedì 30 Agosto 2021, 18:14 - Ultimo aggiornamento: 31 Agosto, 07:51

La passione per il monopattino e per la velocità hanno trasformato il pomeriggio di due amichetti in tragedia. Fabio Mosca, 13 anni, è morto dopo aver battuto violentemente la testa mentre guidava il monopattino di un amico su una pista ciclabile, oggi a Sesto San Giovanni, nel Milanese.

«Non risulta presente alcun maggiorenne nel momento in cui il tredicenne deceduto oggi a bordo di un monopattino, è caduto a Sesto San Giovanni». Lo ha detto all'ANSA il procuratore della Repubblica di Monza Claudio Gittardi, relativamente al drammatico incidente nel quale ha perso la vita, oggi pomeriggio, il 13enne Fabio Mosca mentre percorreva a bordo di un monopattino di un amico una pista ciclabile nel Comune del Milanese.

Le foto dell'incidente in monopattino: morto 13enne a Milano

Incidente tra auto e due moto, morti carabiniere e moglie. Comandante dei vigili in fin di vita

L'incidente fatale nel giro di prova

Erano circa le 16.15 quando Fabio, un suo amico e il genitore di quest'ultimo, stavano passeggiando all'interno del Parco 9 Novembre, nel comune dell'hinterland milanese. Secondo la ricostruzione effettuata dalla Polizia Locale, il tredicenne avrebbe chiesto di poter provare il mezzo a due ruote dell'amico, uscendo dai confini dello spazio verde. Forse per l'eccessiva velocità, forse per una manovra sbagliata o una frenata troppo brusca o forse, ma meno probabile, per un guasto dello stesso monopattino, dopo aver percorso alcuni metri sulla pista ciclabile di viale Antonio Gramsci, Fabio è caduto di faccia impattando violentemente contro il marciapiede, finendo a terra sull'asfalto, dal quale non si è più rialzato. Immediata la richiesta di soccorsi da parte di una passante.

Arresto cardiocircolatorio 

Sul viale che porta alla stazione di Sesto San Giovanni è arrivata un'ambulanza del 118 e fin da subito le condizioni del tredicenne sono apparse gravi: il ragazzo, in arresto cardiocircolatorio e con un forte trauma cranico, è stato subito intubato. Arrivato in coma all'ospedale di Niguarda (Milano), Fabio non ce l'ha fatta. Gli accertamenti della Polizia Locale dovranno ora ricostruire la dinamica dell'incidente. In particolare, saranno effettuate verifiche proprio sul mezzo a due ruote per capire se è a norma e se può essere guidato da un minorenne. Il monopattino è già stato sequestrato dagli agenti ed è a disposizione della magistratura inquirente, che potrebbe decidere di sottoporre il mezzo a una perizia.

I precedenti

Il più recente soltanto undici giorni fa Roma un altro ragazzo era morto in seguito a un incidente in monopattino. Dopo venti giorni in coma Alexander Gonzales Hernandez, un ragazzo di 27 anni di origini filippine è morto a causa dei gravi traumi e ferite riportate dopo la caduta del 29 luglio sulla pista ciclabile di via Gregorio VII nella Capitale.

L'utilizzo del casco: sarà obbligatorio a Firenze

A Firenze anche i maggiorenni dovranno circolare sulle strade comunali di Firenze con i monopattini elettrici indossando il casco. Questa la nuova ordinanza di oggi del sindaco sulla sicurezza stradale. L'obbligo scatterà dal primo dicembre per dare idoneo tempo alle società di sharing di mettersi in regola dotando i monopattini a noleggio di alloggio per il casco.

Intanto il Comune accompagnerà questo obbligo con una serie di misure volte da un lato ad agevolare la diffusione dei caschi e dall'altro a promuovere ulteriormente l'utilizzo dei monopattini. Inoltre una delibera che sarà approvata a breve prevedrà alcuni incentivi per l'acquisto di caschi protettivi da parte degli utenti e una ulteriore delibera consentirà l'ampliamento del servizio di noleggio da 900 a 1200 mezzi, ma solo alle compagnie che avranno sui nuovi monopattini il dispositivo porta-casco.

Roma, muore in monopattino a 27 anni, la famiglia: «Chi sa, parli»

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA